Fotografia a colori o in bianco e nero?

Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 3 secondi
Pubblicato il 11 settembre 2017

Quante volte ci siamo trovati nella situazione di dover chiedere, a noi stessi o a qualche amico, “secondo te questa foto è meglio a colori o in bianco e nero?”
Prima dell’avvento del digitale questa domanda non si poneva, perché la scelta era antecedente la realizzazione dello scatto: dipendeva dal tipo di pellicola che veniva caricata nella macchina fotografica.
Ma ora le cose sono cambiate: tranne in rari casi, le fotografie sono sempre scattate a colori e si decide successivamente se svilupparle a colori o in bianco e nero.

Ma cosa porta a fare una scelta piuttosto che l’altra? E cosa è meglio? Non c’è una risposta definitiva, ma ci sono due fattori da considerare che ci possono aiutare: il contenuto della fotografia (il soggetto) e il messaggio che vogliamo dare.

1 – Il soggetto
Prendiamo ad esempio questa foto di Fulvia. A colori notiamo un bel contrasto di colore: il suo vestito “stacca” bene dal prato verde. Ma cosa succede se la convertiamo in bianco e nero? Otteniamo un grigio su grigio, con il risultato che il vestito di Fulvia non viene valorizzato a modo.

Quindi, regola numero uno, non tutte le fotografie a colori sono adatte per essere utilizzate in bianco e nero. In linea generale, quindi, quando andremo a convertire in bianco e nero una immagine a colori, valutiamo se tutti gli elementi dell’immagine sono ancora chiaramente distinguibili e abbiano un contrasto sufficiente.
2 – Il messaggio che vogliamo dare
La stessa immagine, a colori o in bianco e nero, può trasmettere messaggi molto diversi tra loro.
Per farvi un esempio, mi sono trovato molto spesso nella situazione di dover scegliere tra uno sviluppo colore e uno bianco e nero. Entrambe le scelte erano molto d’impatto, ma tra le due c’era una differenza molto importante: quelle in bianco e nero risultavano più drammatiche, a volte più cupe, mentre quelle a colori trasmettevano una sensazione più leggera. Ricordo che avevo fatto un ritratto a mio figlio ed entrambe le versioni mi piacevano molto. Dopo una attenta analisi, ho scelto quella a colori, in quanto quella in bianco era troppo cupa e non rendeva la luce azzurra degli occhi di Mattia.

Ci sono ovviamente situazioni in cui il bianco e nero rende l’immagine molto più intensa ed eloquente e permette di dare molta più enfasi al messaggio.

Come potete vedere non c’è una regola precisa, anche se ora abbiamo qualche strumento in più per aiutarci nella scelta.

Max Allegritti – www.maxallegritti.com

Shares