Cosa fa il web writer e come diventarlo

come diventare un web writer
Tempo stimato di lettura: 4 minuti, 18 secondi
Pubblicato il 15 dicembre 2017

Con la diffusione di Internet sono nate numerose figure professionali, tra queste c’è quella del web writer che si occupa principalmente di scrivere testi online di vario genere.

Può lavorare in agenzie di comunicazione o essere un freelance, può scrivere da ghotwriter o anche collaborare come addetto stampa per magazine e riviste digitali.

Per diventare web writer ci vuole passione, costanza e la voglia di mettersi sempre in gioco. Inoltre è necessario tenersi aggiornati perché il web si evolve di continuo.

Uno dei difetti principali di molti aspiranti scrittori della rete è di spendere soldi per master o corsi formazione, per poi fermarsi una volta terminato il percorso di studi scelto.

Devi invece tenerti sempre al passo con le nuove tendenze e le tecnologie più all’avanguardia per cercare di offrire sempre servizi di qualità a chi deciderà di collaborare con te.

Ora vorrei darti alcuni suggerimenti che potrebbero servirti se hai intenzione di iniziare a lavorare sul tuo personal branding, per poi proporti come professionista della scrittura online.

Come diventare un web writer: alcuni consigli

Per diventare un vero web writer devi necessariamente badare a determinati passaggi che vanno osservati se vuoi fare davvero della scrittura una professione.

Ecco quali sono.

1. Conoscere le dinamiche del web

Se vuoi cimentarti nell’attività di web writing devi sapere come muoverti sul web e conoscerne i meccanismi. Devi cercare di migliorare continuamente il tuo stile di scrittura imparando anche dai professionisti che lavorano da anni in questo settore.

Avere anche delle basi minime di SEO ti servirebbe a capire come posizionare i tuoi contenuti sui motori di ricerca, anche se questa è una materia così vasta che solo i veri specialisti riescono a padroneggiare. Per dirla in breve il web writer si occupa di content marketing e non di SEO in senso stretto.

2. Cura la tua presenza online

Prima di aprire un blog dovresti iniziare a usare i social in modo serio. Ogni giorno dovresti impegnarti a postare contenuti legati al tuo settore e che possano tornare utili al pubblico a cui ti rivolgi. Evita di utilizzare i tuoi profili in modo autoreferenziale condividendo solo articoli scritti da te.

Un buon modo per iniziare a promuoverti seriamente e a fare personal branding, potrebbe essere quello di utilizzare, insieme ai social network più famosi, anche servizi più specifici per la content curation (Scoop.it, Flipbord, Storify, ecc…).

Condividere risorse curate e a tema ti aiuterebbe a crearti un seguito di persone che inizierebbero a riconoscerti come esperto di settore.

3. Apri un blog

Per un web writer il blog è uno strumento essenziale di lavoro, su cui mostrare le proprie competenze e farsi trovare da potenziali clienti, grazie ai propri articoli e alla newsletter.

Con un’attività di inbound marketing fatta bene, ogni articolo può essere il mezzo per intercettare le esigenze degli utenti e risolverne i problemi. Potresti usare prima piattaforme di social blogging come Medium, come faccio io, per metterti alla prova e scrivere in piena libertà, senza doverti occupare troppo di grafica e tecnicismi di altro tipo.

Non fare l’errore di pensare subito alla monetizzazione, cerca solo di produrre contenuti di qualità e il guadagno verrà da sé. I web writer professionisti, oltre alle normali collaborazioni, lo utilizzano per offrire consulenze, vendere contenuti premium o aderire a programmi di affiliazione.

Ma cosa fa effettivamente un web writer?

Come ti ho detto all’inizio, si occupa di scrivere testi per il web. “Ma che tipo di testi?“, mi dirai.

Te li elenco subito:

  • Articoli per siti web e blog. Oltre che per i propri canali, il web writer scrive su commissione anche guest post per altri portali.
  • Schede prodotti per e-commerce. Chi lavora nel commercio elettronico ha bisogno continuo di professionisti che scrivano testi accattivanti per invogliare gli utenti ad acquistare i propri prodotti.
  • Landing page. Chi ha un business online ne fa largo uso. Servono a far compiere un’azione specifica al lettore: scaricare un ebook inserendo il proprio indirizzo di posta, comprare qualcosa o semplicemente iscriversi ad una newsletter.
  • Testi per le mail di newsletter. Scrivere email professionali efficaci per aumentare le conversioni ha risvolti positivi anche in termini di profitto. Ecco perché è fondamentale che se ne occupi un esperto.
  • Post per i canali social dell’azienda per cui lavora. Il web writer si occupa di tutti gli elementi testuali (spesso anche del visual) che devono essere condivisi sui profili aziendali del brand con cui collabora.
  • Comunicati stampa. Servono a comunicare una notizia ai media e chi li scrive deve essere capace di informare in modo esaustivo e completo chi legge.

Rispetto al classico copywriter, il web writer scrive sì per gli utenti, ma tenendo sempre a mente l’ottimizzazione per i motori di ricerca. È quotidianamente a contatto con i propri colleghi, col proposito di cercare nuove partnership e opportunità di business.

Conclusioni

In maniera molto generale ti ho voluto descrivere la figura del web writer per darti un’idea di come dovresti agire se avessi intenzione di investire tempo e risorse per diventare un vero scrittore del web.

Sta a te adesso rimboccarti le maniche e cominciare il tuo percorso. Continua a seguirmi se ti piacciono i miei articoli e fammi sapere cosa ne pensi.

Shares