WordPress VS Ghost, è tutto pronto!

Ghost-Logo-Dark
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 48 secondi

185 Flares 185 Flares ×

Ghost non è un semplice blog engine, è un evento! La sua comparsa (appena un anno fa), parte da un’idea di John O’nolan che buttando giù due immagini e qualche riga di testo nel suo blog, ha riscosso così tanto interesse che hanno fatto il giro del mondo in pochi giorni.
L’idea era semplice e forse solo una rivendicazione del vero scopo di WordPress: uno strumento unico, semplice e veloce per scrivere articoli.
Dopo una raccolta fondi su Kickstarter il 14 Ottobre ha fatto la sua comparsa!

Ma quali sono le novità e perché dovrebbe essere un evento?

Sono due le novità più importanti rispetto a WordPress:

  • Markdown
  • Node.js

Markdown

Un modo per scrivere più velocemente, ma che rende la sintassi più pulita e leggibile evitando fastidiose correzioni e perdite di tempo, chi utilizza editor visuale in stile Word e quindi WordPress ne è a conoscenza (il solito grassetto o titolo di troppo).

Qui un semplice confronto tra Markdown e Html

Html

Markdown

Con l’editor visuale di wordpress ci metteresti di più!
Qui  e qui gli esempi e le dimostrazioni della sintassi di Markdown
Wordpress vs Ghost - Markdown live di Ghost

Node.js

La novità più bella per un dev! Non si era ancora visto un “CMS” o meglio un blog engine degno di nota come Ghost, utilizza questo fantastico e altrettanto innovativo strumento insieme all’interprete V8 di Google per eseguire codice Javascript lato server! Una novità non di poco!

Le performance

Wordpress vs Ghost - Ghost performance

Ghost Performance

Ghost è come una nave stellare contro un aereo (WordPress)! È questa l’espressione usata da Jim Hirschauer vedendo i risultati dei suoi test di velocità!
Il confronto è stato fatto tra le due piattaforme “out of the box”, semplicemente senza nessuna aggiunta, così come vengono distribuite, usando Nginx per Ghost e Apache per WordPress.

Wordpress CMS vs Ghost Blog engine - WordPress performance

WordPress performance – risultati

Il risultato è stato impressionante, le prestazioni di Ghost erano del 678% più veloci rispetto WordPress, consumando anche meno CPU. Il tempo più lungo di risposta di Ghost era di 2,62 secondi contro i 33,41 di WordPress! (Un test di 10 minuti con 100 connessioni e 1 secondo di ritardo tra una connessione e l’altra)
Si tiene conto delle prestazioni per un semplice blog engine e non un CMS come può essere WordPress.
Qui la fonte: An example of how Node.js is faster than PHP

La novità

Ghost è un po’ come Apple con il primo iPhone, sta innovando e lo fa con un obiettivo chiaro, unendo le ultime e tra le migliori tecnologie disponibili.
Molti sponsor ci credono, Envato, Microsoft, Codeschool, questi grandi marchi potranno offrire l’ambiente di crescita adatto, infatti Envato ha già disponibili i temi per Ghost, Microsoft è un importante vetrina, Codeschool fornirà le guide necessarie!

WordPress vs Ghost oggi

Naturalmente se confrontassimo adesso in generale WordPress e Ghost avrebbe la meglio il primo, è la piattaforma al momento più completa per un blog nonostante le buone intenzioni e le performance del secondo (alcune differenze saranno colmate già dalla prossima imminente versione), ma teniamo conto che ha solo qualche mese di vita e WP 10 anni!
È tutto pronto quindi, la sfida è aperta, la concorrenza porterà qualcosa di buono!
Vuoi trovarti impreparato a questo cambiamento? Cosa ne pensi?

Se vuoi provarlo subito questo è il link, basta scaricare ed eseguire l’installer.
http://bitnami.com/stack/ghost

Il sito ufficiale: https://ghost.org/

  • http://andrearossi.eu/ Andrea Rossi

    Provato da poco (2 settimane) ed il verdetto è uno solo: se sei un blogger, se per te scrivere è primario allora è il cms adatto.

    Attualmente è in una fase di “basso profilo”, ovvero non ha tante caratteristiche oltre al postare per un solo autore, ma la roadmap è di tutto rispetto.

    I template ce ne sono a bizzeffe ed è dannatamente facile farsene uno.
    Imparate ad usare Casper “il template standard” e poi scaricatene uno gratuito: con 4-5 ore di lavoro avrete un template degno di nota ed un blog da far girare la testa.

    Si, se avete visto la roadmap, al questione SEO non è affrontata ma come si suol dire: content is the king!

    (Vi aspetto sul forum!!!!!)

    • Antonio Angelucci

      infatti. dal punto di vista seo? O’Nolan e company come vogliono orientarsi? c’è qualche dichiarazione a riguardo? google come lo vede un blog con ghost rispetto a uno con wordpress?

      • williammanco

        Per il momento hanno solo specificato “SEO Improvements” già dalla prossima release entro Dicembre. Qualche riferimento sulle prossime feauture: Sitemap & other SEO tools e Post SEO

        Per quanto riguarda Google ancora non ho dei dati certi, ma già nei prossimi articoli posso inserire qualche risultato, c’è da precisare che per google non dovrebbe far differenza il CMS usato visto che solo il tema è la parte visibile.

        Quello che Google dovrebbe tener conto sono le performance (vedi lo sforzo di mod_pagespeed), visto che Ghost risulta molto più veloce di WP, il resto nel prossimo articolo!

  • MichelePrandina

    Chissà se Ghost sarà la killer app di node come WordPress lo è stato per php!

    • http://andrearossi.eu/ Andrea Rossi

      Cosa intendi per “WP è il killer app per php”???

      WP è l’orrore del paradigma (programmare sia via funzionale che O.O.), sin dall’inizio. La manutenzione del codice è a livello primordiale, qualcosa che fa male all’evoluzione vera e propria del software. O si sceglie una via, oppure si deve accettare l’idea del declino.

      Ghost, dando una letta al codice, mi pare sia solo funzionale: quindi qualcosa di più “amabile”, di più corretto.

      • williammanco

        Hai ragione! WP è uno strano ibrido tra funzionale e OOP, che comunque ai tempi di joomla 1.5 era un passo avanti, come pulizia e ordine del codice o no?
        Purtroppo non si è mai evoluto, hanno solo aggiunto funzioni e non hanno migliorato e ottimizzato la piattaforma, c’è da dire però che lato utente è quello che ha più successo (al momento ;) )

        • http://andrearossi.eu/ Andrea Rossi

          Eh?
          Ai tempi (3 anni fa).
          WP è il tipico caso del mondo sw che funziona bene per quel che deve fare, ma di fatto è costruito malissimo.
          Joomla, come altri cms, utilizza il paradigma O.O. il che agevola. Infatti, dalla versione 1.6 alla 1.7 STS c’è stato un cambio di framework radicale (davvero!!!!), senza che il cms venisse modifcato. Chi scrisse plugin/codice per la versione 1.6, con qualche piccolissimo accorgimento, funzionava anche sulla 1.7.

          Quando WP vorrà cambiare seriamente framework, ci sarà una grandissima alzata di scudi da parte dell’onturage di tutti i web-dev.

          Ibridizzare è lecito per le transizioni senza grossi danni, ma non è mai opportuno per progetti LTS.

          • williammanco

            Risale al 2008,

            io personalmente ho lasciato joomla nel 2009 per sostituirlo a WP per siti “vetrina” (la soluzione migliore) per semplicità lato utente e dev fino ad ora, poi è vero, meglio non guardare dietro il cofano.

            Bè a questo punto Ghost ha già vinto ;)

          • http://andrearossi.eu/ Andrea Rossi

            Anche se, personalmente, Ghost è bello, piace, è interessante, ma la sua diffusione è legata agli host (già parecchi, superiamo la ventina ed ogni giorno compaiono sempre più siti di host interessati a ghost).

    • williammanco

      Al momento tra CMS e blogengine di node.js sembra già essere l’unica soluzione valida, non tanto per le feature che sono poche (che comunque già entro dicembre non tarderanno ad arrivare) ma per l’andamento che sta prendendo lo sviluppo del codice, molto più in linea con gli standard moderni di quello che ha fatto a suo tempo wordpress e che purtroppo continua a fare..

  • williammanco

    wordpress.com e blogger o qualsiasi altro servizio di blogging per ovvie ragioni sono limitate, è come dire “prendo un template, lo pago poco e ci metto di meno” ma in realtà non è niente di originale, poco professionale e limita quindi anche il range di utenti che potresti interessare, per non parlare del brand.

    Inoltre il metodo di scrittura di Ghost è favoloso, per un blogger dovrebbe essere un sogno, è molto più veloce, funzionale e “bello” di qualsiasi altro servizio.

    E se poi un blogger medio non ha voglia e denaro per mettere su Ghost, bè un servizio simile lo mettono a disposizione anche loro ;) …coming soon…

    https://ghost.org/blogs/

    • http://about.me/marcostizioli marcostizioli

      WordPress poco professionale?
      Il post.it, Ny times e tanti altri (http://wordpress.org/showcase/) usano WordPress!

      Non voglio criticare Ghost ché non lo conosco,
      ma parlar male di WP mi sembra eccessivo.

      Certo, WP deve essere gestito da chi se ne intende.

      • williammanco

        si parlava di wordpress.com come servizio (non wordpress.org il cms scaricabile) soprattutto quelli gratuiti della seria mioblog.wordpress.com

        Come scritto anche nel post comunque WP è oggi la soluzione migliore per un blog (e non solo).

  • http://www.smetteredilavorare.it/2012/07/come-cambiare-vita-in-10-mosse.html Cambiare vita

    Non c’è bisogno ne di avere wordpress ne ghost per fare soldi con un blog, basta blogger, che sta su server Google ed è quindi velocissimo e gratis.

    • williammanco

      @smetteredilavorare:disqus blogger rimane un servizio quindi sei soggetto alle sue regole, non potrai mai avere un blog che si adatta perfettamente alle tue esigenze come invece lo può essere un blog realizzato ad hoc.

      Per far “soldi” i modi sono infiniti, con questo ragionamento però il servizio si adegua all’idea di “risparmio tempo e denaro”…non molto professionale

      Che blogger sia su server Google non è un fattore assoluto di velocità…i fattori sono veramente tanti, e il server altrettanto “veloce” per un blog lo si può avere anche a 5€ al mese con un VPS

  • Andrea

    Senza nulla togliere a Ghost (che testerò sicuramente) confrontare Nginx + Node.js con Apache è come confrontare le mele con le arance. Un test più corretto sarebbe stato utilizzare Nginx + Node.js e Nginx + php-fpm dato che è anche questa una configurazione “out of the box” oppure Apache con mpm-event e php-fpm. Sicuramente il gap di performance ci sarà comunque ma non sicuramente del 670%. La mia osservazione è stata fatta anche da altri sul sito dello sviluppatore, ma a quanto pare è stata semplicemente “ignorata” :)

    • williammanco

      Ciao @disqus_TsHvPHLJLk:disqus, per quanto mi riguarda utilizzo nginx con php-fpm come configurazione php standard, ti capisco quindi per quanto riguarda il confronto, devi considerare però che nella realtà, quindi i servizi che offrono ghost (veramente pochi al momento) utilizzano quella configurazione per Ghost e la classica per WordPress, ovvio che manualmente si può agire come si crede ma chi ha poca dimestichezza con i server si deve affidare a quello che passa il servizio…

      Molti hosting (quasi tutti) offrono “out of the box” quei tipi di configurazione messi a confronto rispettivamente per WP e Ghost…come test nella realtà (al momento) lo trovo valido ;) certo avrebbe potuto rispondere o fare una premessa.

      • Andrea

        Ciao williammanco ho citato nginx e php-fpm perchè con l’ultima versione di Plesk è possibile utilizzarli entrambi senza configurazioni esoteriche e vista la diffusione del pannello di hosting( e la relativa semplicità), secondo me il test poteva essere un po’ meno “viziato”, tutto qui.

        L’autore scrive “I wanted to make sure I provided a level playing field on the back end” e parla di configurazioni “out of the box”, anche se un’istanza Amazon con 2vCPU e 7.5gb di ram non mi sembra proprio “standard”, anche perchè poi le configurazioni di default dei demoni non sono adatte a tutte le macchine.

        I test fatti in questo modo mi “puzzano” sempre un po’, se un prodotto è effettivamente migliore di un altro, si dovrebbe poter dimostrare che lo è sempre e non solo con benchmark “ad hoc”. Un po’ come quando confrontano i linguaggi di programmazione e php viene utilizzato senza apc (spero che con php 5.5 e l’integrazione dell’opcache le cose cambino)

        Tra l’altro sul sito dello sviluppatore, è stata aggiunta una nota su Apache, ma che serve solo a confermare la sua tesi…
        Scusa la lunghezza del commento :D

        • williammanco

          Si tranq @disqus_TsHvPHLJLk:disqus, diciamo che lo sviluppatore era un pò troppo di parte ;) ma alla fine il risultato è valido per la maggior parte degli utenti che useranno Ghost e che usano WP (sempre se gli hosting rimangono su questa linea)

185 Flares Twitter 39 Facebook 94 Google+ 38 LinkedIn 14 Pin It Share 0 185 Flares ×