Web fonts service, quali usare?

Web fonts
Tempo stimato di lettura: 4 minuti, 9 secondi
Pubblicato il 11 giugno 2012

Per i testi sul web si ci deve servire sempre e solo di font web safe? Oggi cercheremo di rispondere a questo quesito.

Per anni gli sviluppatori di siti web, per assicurare un’ampia compatibilità hanno fatto uso solo di tre o quattro font, poi le cose sono migliorate grazie a servizi come Cufòn (basato su javascript) o Sifr (basato su javascript e flash) che permettevano di implementare qualsiasi font scelto utilizzando fondamentalmente flash. Entrambi questi servizi avevano però alcuni aspetti negativi, come l’ impossibilita di scalare il font, a cui si aggiungevano problemi di accessibilità e di aumento di traffico dal server.

La proprietà CSS3 @font-face

Con l’introduzione della nuova regola css3 @font-face è stato fatto un ulteriore passo avanti, infatti grazie a questa nuova funzionalità è ora possibile implementare qualsiasi font si voglia (sempre che la licenza del font scelto lo permetta), stando attenti a mettere in pratica piccoli accorgimenti per avere una visione uniforme tra i vari browser.

Servizi online per l’implementazione dei fonts

Per semplificare il compito sono nati due tipologie di servizi: il primo come fontsquirrel, partendo da un font scelto da te, crea un kit cross-browser con tutto ciò che serve per un facile inserimento all’interno del sito (conversione del font nei vari formati woof,ott,eot ed svg) ed il codice css3 già compilato (fate attenzione ai percorsi dei files!). L’ altro invece offre un pacchetto completo per l’implementazione del font desiderato senza preoccuparsi della licenza d’ uso o altro
Oggi parleremo proprio alcuni di questi servizi.

Google Web Fonts

Partiamo da servizio google web fonts che offre 500 font tutti con licenza open source che ne permette l’ utilizzo in tutti i siti web senza alcun tipo di restrizione commerciale.
I font si implementano in modo semplice via css, il servizio è di ottimo livello, anche se ovviamente la quantità di font rispetto ai servizi a pagamento è notevolmente inferiore.

Link: http://www.google.com/webfonts

Font deck

Font deck offre la possibilità di testare il servizio e provare tutti font disponibili nel catalogo in modo gratuito per un massimo di 20 indirizzi ip unici e poi trovato il font di nostro interesse, sottoscrivere un abbonamento annuale che parte da 2,50 $ fino a20 $ in base al font scelto senza limiti di domini su cui è possibili utilizzarli e con un tetto massimo di visite da indirizzi ip unici pari a un milione al mese (nel caso in cui servisse un numero più alto c’è una tabella con relative tariffe), la quantità di font disponibili è abbastanza ampia l’ implementazione avviene tramite css.

Link: http://fontdeck.com/

TypeKit

TypeKit ha ben 5 piani tra cui scegliere:

  • free
  • personal
  • portfolio
  • performance
  • business

Per il free si ha disposizione l’ utilizzo di due font per un sito con un numero massimo di visite pari a 25000, questo può essere utile per piccoli siti o per testare la qualità del servizio, passando ai piani successivi che son quelli che più interessano noi sviluppatori hanno prezzi che partono da 24,99$ per il personal che offre 50.000 visite la possibilità di usarlo su due siti e fini a un massimo di cinque font, per arrivare fino al performance che per 99,99$ un milione di visite e siti e numero di font illimitati, questi soddisferanno la maggior parte delle esigenze, ma se si vuole qualcosa di ancora più potente e personalizzato viene offerto il servizio business con una quota che varia dai 40$ fino a 400$ al mese con un numero di accessi dai 2 milioni per la versione base fino ai 25 milioni per la più alta. Questo sito è quello che offre la maggiore quantità di font tra tutti i servizi presi in considerazione, e per l’implementazione del servizio vi è bisogno di javascript .

Link: https://typekit.com/

Webink

Webink offrela possibilità di creare un account free per poter testare il servizio con la sola limitazione di avere al massimo 10 vistite da ip unici.

Per quanto riguarda le offerte commerciali vi sono la

  • Basic con 20.000 visite per un costo di 20$ l’anno
  • Pro 8.0000 visite mensili per un costo di 50$ l’anno
  • Business 200000 visite mensili per un costo di 120$ l’anno

infine c’è la possibilità di contattarli per avere un servizio personalizzato grazie al piano Enterprise. La quantità e la qualità dei font è ottima per l’ implementazione si usa un link css.

Link: http://www.webink.com/

Webtype

Webtype offre 30 giorni di prova con un massimo di 250000 visite e e due piani quello base che parte da 40$ l’ anno e un altro completamente configurabile a partire da 400$ inoltre è possibile acquistare la licenza del font per utilizzo nel proprio pc o mac. La quantità di font è inferiore rispetto ad altri servizi.
Eccoci arrivati alla fine della comparativa dei servizi di web font più conosciuti, naturalmente è sempre bene ricordare di non eccedere nell’uso di troppi web font in un sito, perché a parte l’ effetto antiestetico che si può venire a creare, si aumenta il traffico dati e di conseguenza il tempo di caricamento della pagina.

Link: http://www.webtype.com/

Tu tra questi servizi quali usi per i tuoi lavori? Ne conosci altri ?

  • Ottimo post..Ogni tanto qualcuno me lo perdo.. Bene ad aver una propria lista di font.

    • Ale come fai a perderteli! Tu! Nostro fidato lettore 🙂 Sei iscritto ai feed e alla newlsetter vero?

    • Grazie Alessandro è un piacere esserti stato utile

  • Marianna

    Ottimo articolo. Qualcuno sa dirmi come aggiungere più font, usando google fonts ed implementandolo tramite JAVASCRIPT? Cioè uso un solo script e faccio una cosa di questo tipo? google: { families: [ ‘Philosopher::latin’,’Open+Sans::latin’ ]

Shares