Web Editing: una Sfida con Sé Stessi.

Immagine tratta da: http://it.depositphotos.com
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 25 secondi
Pubblicato il 6 dicembre 2013

Arriva il momento di correggere il testo che hai scritto. Mettiti comodo, in un luogo silenzioso e privo di distrazioni, recupera vocabolario della lingua italiana, quello dei sinonimi e contrari, eventuali fonti e altro materiale che sei abituato a usare. Ricaricati con un buon caffè e inizia l’avventura.
L’editing del testo è essenziale ed è necessario dedicarle tempo, forze e capacità. A volte, però, le scadenze sono imminenti. Meglio seguire alcuni passi per rendere più facile ed efficace il lavoro.

Stampa, leggi e correggi

Stampa il testo e leggilo più volte, in un’altra stanza e nella posizione a te più comoda. Prendi una penna rossa e inizia a correggere errori, eliminare parole o frasi superflue, arricchire i concetti più importanti se necessario. In seguito torna al computer e riporta le correzioni nel file. Questa operazione puoi ripeterla fino a quando sarai soddisfatto della tua opera.

Stop, pausa

Prenditi una pausa e allontanati dal lavoro. Pochi minuti possono bastare per distrarti con una boccata d’aria, bevendo un caffè o riordinando i calzini nell’armadio. Quando tornerai davanti al computer con gli occhi riposati e la mente più libera, la tua correzione sarà più ispirata.

Mai sotto tono

Leggere a voce alta il testo ti aiuta a valutare il senso delle frasi. Con il suono delle parole riesci a comprendere il ritmo ed eventualmente correggere quel che non suona bene, ad esempio sostituendo i termini stonati con dei sinonimi. Una buona scrittura si sente e ha un tono simile al colloquiale.
Vi faccio un esempio:
La decadenza dei costumi non sta in ciò che fanno Lady D e l’amante, ma nel fatto che i lettori paghino per farselo raccontare” (U. Eco, da La bustina di Minerva, 1996).
Ciò che fanno Lady D e il suo amante potrebbero rappresentare la decadenza dei costumi, ma in realtà non è così. La loro decadenza è che i lettori vogliano pagare i giornali per leggere le notizie” (un esempio da non seguire).

Tieni il ritmo

Quando rileggi le frasi, cerca il ritmo delle parole. Se la tua opera ti sembra noiosa e poco attraente, ritaglia i periodi troppo lunghi ed elimina le espressioni che appesantiscono il testo.
Fai una pausa ascoltando buona musica, è consigliato il jazz, e fai il pieno di ritmo. Rileggi nuovamente il testo, correggi eventuali parole che non ti convincono e scrivine di adatte al ritmo che vuoi sentire.
Un consiglio: divertiti!

Tagli indolori

Umberto Eco ne La bustina di Minerva ha tradotto alcune regole popolari tra i business writer americani. Tra i tanti consigli, ecco gli elementi da tagliare:

  • allitterazioni
  • frasi fatte
  • puntini di sospensione inutili
  • generalizzazioni
  • frasi di una sola parola
  • espressioni dialettali (una traduzione c’è sempre)
  • domande retoriche superflue
  • troppi punti esclamativi
  • plurale maiestatis
  • frasi prolisse.

È d’obbligo evitare gli errori ortografici (passi qualche refuso), ne va della propria reputazione.

Tutta un’altra prospettiva

All’ennesima lettura mettiti nei panni del lettore. Alla terza riga inizio ad annoiarmi o il testo è così interessante che voglio continuare a leggere? Prendi appunti e fai le ultime modifiche.

Web editing

Il linguaggio del web è veloce e dinamico. Nel web editing, quindi, devi utilizzare frasi brevi per rispettare i principi di semplicità, chiarezza e immediatezza. L’utente della rete ha troppe cose da leggere e da vedere in poco tempo, per questo ha bisogno di testi facili da comprendere, ma soprattutto brevi. Ecco perché la suddivisione del testo in paragrafi e i sottotitoli sono importanti per attrarre l’attenzione e rendere subito visibili i concetti principali.
Il linguaggio che dovrai utilizzare deve essere coerente con il contesto e comprensibile alle varie tipologie di lettori. Non utilizzare termini troppo tecnici, inglesismi inutili o concetti di difficile comprensione.
Un consiglio è non smettere di aggiornarti sulle novità del web: tecnologia, tecniche di scrittura, strategie di marketing, stili e tendenze. Tutte le informazioni sono utili per sviluppare temi e trovare le parole giuste.

Lieto fine

Questo post vuole esserti di aiuto e ispirazione. Il metodo più giusto per te puoi crearlo con il tempo e con l’esperienza, ma una base da cui partire è sempre utile.

Scrivici il tuo metodo personale o altri consigli nei commenti!

Shares