Videogiochi: “Ancora 5 minuti e ho finito…!”

atari
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 42 secondi
Pubblicato il 17 ottobre 2011

 “Ancora 5 minuti e ho finito…!”

E’ spesso questa la frase che le varie generazioni di genitori sentono ripetersi dai propri figli (soprattutto maschi) dagli anni ’80 ad oggi, con videogiochi sempre più avveniristici, che ci portano a rispondere alla stessa maniera.

Ne abbiamo visti passare tanti: dall’ATARI al COMMODORE 64, dal NINTENDO, col mitico Super Mario Bros, alla PLAY STATION. Tutte console che anche oggi, con le varie evoluzioni, ci fanno interagire con un mondo virtuale, che si avvicina sempre più alla realtà grazie a grafiche e software sempre più sofisticati.

 

E in tutto ciò il mondo del web non fa nulla per intrattenerci? Certo che sì!
Sono nati diversi siti in cui è possibile giocare gratuitamente on line con giochi da carte o da tavolo di diverse categorie. Ma anche grandi giochi del passato e del presente, vedi “La ruota della fortuna”, “Il pranzo è servito”, “Chi vuol essere milionario” hanno il loro gioco via web in cui l’utente può giocare da casa senza spendere nulla e divertendosi.
Persino il Social Network più famoso del mondo, Facebook, si è “scomodato”, in modo da darci la possibilità, quando ci connettiamo, di guardare cosa postano i nostri amici (o gli amici degli amici e così via) ma anche di condividere questi giochi sfidandosi con loro.

Tutto ciò lo devono a Zynga, una società che si occupa di realizzare videogames per browser Internet, che per Facebook ha creato giochi come CityVille, FarmVille, PetVille, Mafia Wars per citarne solo alcuni, garantendogli milioni di “seguaci” intenti a realizzare il migliore punteggio possibile in ciascun gioco. Nella maggior parte dei casi si tratta di giochi in cui l’utente agisce in prima persona.

– In Farmville, il “facebookaro” è un agricoltore che dovrà badare al terreno arandolo, piantando sementi e rivendendo i frutti per poter ingrandire i propri poderi.

– In Cityville si può creare una città da zero, costruendo negozi nelle città degli amici. E’ anche possibile gestire una fattoria all’interno della città e le merci prodotti contribuiranno allo sviluppo stesso della città. In più diverse sfide devono essere superate per aumentare il proprio livello.

Petville può essere considerato il tamagotchi di Facebook, in quanto si può scegliere il proprio cucciolo preferito e si deve coccolarlo e viziarlo nei modi più disparati, dal vestiario all’arredamento per la sua cuccia.

Mafia Wars. Qui lo scopo del gioco è quello di creare il più grande impero criminale di tutta la storia dell’umanità. Un ragazzo appena uscito di prigione deve rifarsi una vita partendo dalla costruzione di un casinò, attività da difendere a tutti i costi, scegliendo tra una vastissima scelta delle armi (oltre 300) perché è il viatico per racimolare i primi soldi e si è sempre sotto continuo rischio di tradimenti e attacchi.

Tutti questi giochi di Facebook vi hanno fatto tornare la nostalgia dei nostri cari vecchi e semplici videogiochi?

Niente paura, il mondo del web è davvero immenso e grazie al linguaggio HTML versione 5, che riduce l’utilizzo di applicazioni come Adobe Flash, è già possibile rivivere le emozioni di giochi come Super Mario e Asteroid.

Il linguaggio HTML5, però, non è ancora compatibile con Internet Explorer, mentre funziona benissimo con Safari, Opera e Firefox.

Non ci resta che attendere. Intanto, buon divertimento!

(NdR: ogni immagine si intende da attribuire ai legittimi proprietari)

Shares