User experience: creare un’esperienza d’uso eccellente

Usabilità
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 22 secondi
121 Flares 121 Flares ×

I siti web sono davvero degli strumenti fondamentale al giorno d’oggi, riescono a trasmettere e a far vivere, se plasmati con conoscenza, una piacevole esperienza di navigazione, ma dove bisogna concentrare maggiormente il nostro impegno se vogliamo sviluppare un progetto più complesso? Nell’articolo troverete alcuni consigli pratici per curare ogni dettaglio del vostro sito web e per far vivere ai vostri utenti un’esperienza d’ uso eccellente.

Parliamo di UX : User Experience

La User Experience non ha particolari strumenti e processi per essere creato, non ha una guida ufficiale che ne spiega i dettagli e i punti focali, è semplicemente un modo di pensare finalizzato alla creazione di un esperienza che tenta di superare il maggior numero possibile di aspettative che l’utente nutre navigando nel Web.

L’User experience è un mix di tantissimi parametri ed elementi che cerca di far nascere emozioni e di far ricordare, per qualche “magico” dettaglio, la navigazione effettuata su un determinato sito Web. Vediamo insieme i principali step che dovremo seguire per tentar di ricreare tale processo.

Passo 1: Raccontate una storia

Fate svolgere all’utente un percorso progressivo all’interno del vostro sito, legate i contenuti tra loro, create dei “protagonisti” che si ripetono frequentemente all’interno di tutte le pagine web. Facendo tutto questo, automaticamente, l’utente si sentirà molto più immerso all’interno del progetto e, proprio come se fosse un libro, “leggerà” piacevolmente il vostro sito navigandolo ampiamente senza limitarsi ad una visita breve.

Passo 2: Focalizzatevi su un’esperienza chiave

Come nel caso precedente legate i contenuti tra loro, rendeteli d’impatto utilizzando un unico filo conduttore. Il sito web non deve essere dispersivo e deve essere focalizzato su un’unica chiave di esperienza, valorizzate il minimo indispensabile rivolgendolo esclusivamente in un’unica direzione. Ogni elemento e particolare deve essere tematizzato a seconda della “key-experience” scelta.

Passo 3: Prefissate delle aspettative

Ogni utente avrà senza alcun dubbio delle aspettative nell’entrare nel vostro sito web, dovete cercare di prevederle per poi riuscire a soddisfarle sotto ogni loro aspetto, dove è possibile poi, cercate anche di superarle così da tentar di far vivere ancor maggiormente una magnifica esperienza. Il fattore “aspettative” per L’ UX è davvero importantissimo, non sottovalutatelo.

Passo 4: Disegnate l’esperienza, non il “tecnico”

Quando create il mock-up del vostro sito non dovete pensare ai dettagli tecnici e programmativi, non dovete pensare a come realizzare il codice o ancor meglio la grafica, dovete lasciar perdere totalmente tali caratteristiche e pensar solamente ai colori, alle forme, alla disposizione degli elementi, dovete pensare all’esperienza che volete far vivere, a cosa volete trasmettere e far rimanere impresso nella testa dei vostri utenti. Tralasciate i tecnicismi e riflettete semplicemente sull’esperienza che volete far nascere.

Passo 5: Siate ovvi con forza e chiarezza

Non utilizzate elementi complessi, ovviamente dove possibile; la semplicità e l’intuitività farà crescere l’intera esperienza di navigazione. Il vostro sito dovrà essere forte e chiaro, i messaggi che volete mandare agli utenti espliciti, le immagini il più possibile comprensibili e giuste.

Passo 6: Velocità e fluidità

Punto quasi scontato ma di vitale importanza. La velocità deve essere alla base della navigazione come la repentinità nel caricamento delle pagine. La fluidità deve regnare sovrana sotto i l continuo “fuoco” degli input dell’utente. Bisogna utilizzare elementi leggeri, trovare soluzioni grafiche adeguate e poco pesanti.

Passo 7: Aggiungete un tocco magico

Durante la realizzazione del progetto cercate di aggiungere qualcosa di veramente utile, qualcosa di magico, di magnifico. Un effetto, una funzionalità come potrebbe essere quella di “siri” per i disposti iOS . Cercate di aggiungere qualcosa il cui utilizzo o la propria vista faccia permanere maggiormente l’utente sul vostro sito o lo faccia anche e più piacevolmente tornare in un secondo momento.

Questo è un punto molto particolare e di difficile realizzazione, non è semplice infatti trovare, ogni qualvolta che creiamo un progetto, qualcosa di particolare e di così importante da riuscire ad imprimere un buon ricordo nella testa dell’ utenza.

Che dire? Questi sono per il mio giudizio i 7 punti fondamentali per far vivere un’ eccellente esperienza agli utenti del web. Moltissime persone sottovalutano l’user experience, altre non la considerano proprio, sbagliando. Voi che ne pensate, proverete ad adottare questo stile di pensiero?

Cosa pensi dopo aver letto questo articolo?

  • pennamontata

    Bell’articolo :)
    Forse me lo sono perso: io aggiungerei, per la perfetta UE, la responsiveness del sito. Che ne pensi, Maicol?

    • Maicol Torti

      Ciao Pennamontata, grazie per i complimenti :)
      Credo che tu abbia ragione, il Responsive Design avrebbe potuto essere uno dei passi da implementare nell’articolo !! Unica cosa che mi ha portato a non inserirlo é stato il fattore “lavoro indiretto”, cioè la capacità del responsive di non agire direttamente sull’esperienza dell’utente ma solamente durante un eventuale seconda visita e obbligatoriamente con un altro dispositivo, solo li avrebbe avuto luogo l influenza del responsive sull’esperienza dell’utente e per me, sarebbe già stato troppo tardi. :)

      • pennamontata

        Uhm, Maicol. Non sono d’accordo con te stavolta, sai? Ti spiego. Secondo me il responsive non agisce in seconda battuta, ma immediatamente. Se navigo dal mio smartphone o da tablet in un sito elastico, che sa adattarsi al mio dispositivo mobile, io l’esperienza la noto migliore da subito. Almeno questo è il mio parere :)

  • Maicol Torti

    Ciao Pennamontata, grazie per i complimenti :)
    Credo che tu abbia ragione, il Responsive Design avrebbe potuto essere uno dei passi da implementare nell’articolo !! Unica cosa che mi ha portato a non inserirlo é stato il fattore “lavoro indiretto”, cioè la capacità del responsive di non agire direttamente sull’esperienza dell’utente ma solamente durante un eventuale seconda visita e obbligatoriamente con un altro dispositivo, solo li avrebbe avuto luogo l influenza del responsive sull’esperienza dell’utente e per me, sarebbe già stato troppo tardi. :)

121 Flares Twitter 35 Facebook 49 Google+ 30 LinkedIn 7 Pin It Share 0 121 Flares ×
Leggi altro:
Bambini a scuola con il tablet
Tablet protagonisti della scena tecnologica

La percentuale di persone che associano la visione di contenuti televisivi ad altri dispositivi, in pieno multitasking, è aumentata del...

Chiudi