Ti consiglio 3 libri… di Design, Marketing e Comunicazione

libri-marketing-comunicazione
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 30 secondi
Pubblicato il 26 ottobre 2012

Torna a grande richiesta la rubrica di Webhouse “Ti consiglio 3 libri“.

Ecco, allora, nuovi professionisti, nuovi libri e nuove idee per migliorarsi con la lettura. Oggi l’ospite d’onore è Diego Merello, direttore creativo per Wip Italia. Vogliamo fartelo conoscere meglio, quindi lasciamo a lui la parola:

Dal 1999 mi occupo di comunicazione digitale, attualmente sono partner di Wip Italia e mi occupo di direzione creativa e tecnica  (sembra una contraddizione agli occhi dei più, ma la comunicazione nel ramo digital ha bisogno di questo).

Vivo il mio lavoro cercando di mantenere l‘umiltà e la curiosità dell’inizio, il web e la comunicazione digitale sono in costante evoluzione quindi è fondamentale avere piena coscienza che non si è mai guru omniscenti, nel poco tempo in cui stai seduto la tua sedia traballa, devi alzarti e correre verso un’altra porta.

Come non essere d’accordo? Abbiamo chiesto a Diego di consigliarci i suoi tre libri, ecco la sua risposta!

L’uomo di marketing e la variante limone

di Walter Fontana

Questo libro mi è stato suggerito da un amico per la sua comicità, Walter Fontana è un genio in quest’ambito. Pochi però sanno che ogni singola battuta o aneddoto di questo libro sono più reali di quanto siano parodistici.

E’ la perfetta descrizione dell’atteggiamento e delle dinamiche di alcune grandi agenzie multinazionali di comunicazione, con i loro personaggi, stereotipi, e processi dell’assurdo.

Se si lavora nel settore, è un libro da conoscere.

Le cose che ci fanno intelligenti. Il posto della tecnologia nel mondo dell’uomo

di Donald A. Norman

Ad essere sincero dopo tanti anni ricordo poco di questo libro, lo lessi ai lontani tempi universitari al secondo anno di Design. Aveva però cambiato il mio modo di affrontare la progettazione, facendo nascere una curiosità per la psicologia percettiva, l’ergonomia cognitiva e il design delle interfacce.

Probabilmente leggendolo ora potrà risultare datato, è del ’95! Ma Norman è tutt’oggi considerato uno dei massimi esperti di ergonomia e a tutti suggerisco di vedere il suo intervento al TED: 3 ways good design makes you happy: http://www.ted.com/talks/don_norman_on_design_and_emotion.html

E perché no?

di Francois Michelin

Michelin non si è occupato di digital, comunicazione o design delle interfacce, ma pensando a questa rubrica di Webhouse mi sono detto: “e perché no?”. Francois Michelin è il “patron” della omonima grande casa di pneumatici, un imprenditore di grandissimo rilievo che in questo libro intervista insegna un modo di essere imprenditore, visionario, innovatore, ma soprattutto grande uomo. La sua passione, il suo rapporto con il cliente (che considera pienamente parte del suo team) e con i suoi collaboratori danno respiro a chiunque voglia affrontare il mondo del lavoro come imprenditore o libero professionista.

Gli intervistatori a termine non possono che porgli domande sulla sua fede, che è chiaramente esposta come il fil rouge di ogni sua azione.

Con questa perla si conclude l’appuntamento di oggi con la nostra rubrica. Che ne pensi di questi suggerimenti? Li hai già letti?

Lasciaci la tua opinione, sempre fondamentale per noi!

  • marno

    volevo solo dire che l’amico sono io. leggevo walter fontana e usavo l’espressione “quant’altro” già nel 1982 (cit.)! ahahah!

    • Patrick Bateman

      Si’, ma sono stato io a fattelo conoscere. Ora che tutti lo sanno sono più tranquillo. Quant’altro fa troppo 82, i mondiali e una certa Italia. Nel prestigio degli ottimati.

      • marno

        ciao pat, ricordo ancora il momento. era forse l’edizione allegata al prestigioso settimanale “il mondo”?

  • Alfonso Annunziata

    Consiglio “L’uomo di marketing e la variante limone”, lettura veloce da weekend!…

Shares