Tablet protagonisti della scena tecnologica

Bambini a scuola con il tablet
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 41 secondi
Pubblicato il 11 settembre 2013

Con l’arrivo dei device mobili, da Ipad ad altri modelli di tablet, si sono innescati grandi cambiamenti: usi, visioni e usabilità.

Come usi il tablet? Primo device in casa e nel tempo libero.

Connected Device Report-Q3 2011” è uno studio condotto da Nielsen che permette di  approfondire una tematica di grande interesse legata alla rivoluzione nella comunicazione online sin dall’introduzione dei device mobili.  L’analisi di Nielsen  smentisce la diffusione marginale dei tablet più idonei alla consultazione di magazine online, in tutti quei casi in cui il monitor di uno smartphone risulta limitato la sfida si risolve a vantaggio del tablet.

Coloro che possiedono i tablet, stando ai dati emersi, sono uomini di 44 anni circa, il 52%, ma anche donne, 48%, sono benestanti ma non ricchi.
Già nel 2011 i possessori di tablet in Italia, preso un campione di 9000 famiglie, erano un milione (numeri di cui si era previsto un raddoppio alla fine dell’anno 2011).
Il più trasversale dei device  viene impiegato perlopiù in casa, poi al lavoro e all’aperto, chi lo usa non possiede una spiccata attitudine alla tecnologia. Come candidato primo in casa e nel tempo libero, il tablet supera gli smartphone in termini di usabilità.

Ecco quali attività sono tra le più diffuse, in accostamento al tablet: la consultazione e-mail (65%); la navigazione internet (59%); la lettura di libri e riviste online, l’accesso ai social network (40%); la consuetudine a scaricare foto e guardare video (35%); l’online banking (33%);  i videogames , la messaggistica istantanea (31%); la chat, la video messaggistica, l’ascolto di musica e radio in streaming (29%); lo scatto di foto (28%).
Il gap con i Pc desktop e i laptop sussiste; il fato dei tablet dipenderà da editori e produttori e dalla capacità di questi di porre una definizione alle differenze e all’unicità dei tablet sul fronte della praticità, semplicità e vocazione multitasking.

In azienda i tablet accentuano nuove interazioni.

Da una ricerca condotta da IDC vien fuori che l’adozione dei tablet pc nelle aziende è intesa come nuova era dell’enterprise computing: un nuovo modo di interagire con colleghi, clienti e fornitori.
Nelle aziende i dispositivi mobili hanno cambiato il modo di gestire i processi, inclusi quelli della gestione documentale. Dalle interviste condotte emerge che: i tablet stanno riducendo il numero di pagine stampate (59,2%); grazie ai device, le aziende rispondono meglio alle esigenze del cliente (49,2%); l’utilizzo dei tablet, secondo la convinzione di molti, aumenta la velocità con cui i documenti vengono gestiti (47,5%).

A scuola con il tablet.

Molte iniziative sono volte ad istituire un dialogo tra scuola e mondo digitale, tra queste alcune sperimentazioni vedono l’utilizzo di un tablet per bambini dislessici. L’idea è imporre uno strumento educativo, per i bambini dislessici esistono, per esempio, font studiati ad hoc per facilitare la lettura.

Alcuni strumenti compensativi possono essere installati su tablet: ebook reader, calcolatrici parlanti, mappe concettuali, vocabolari.
Sempre sul fronte scuola, una ricerca condotta da Family Kids and Youth e commissionata da Carphone Warehouse (retailer inglese di telefoni cellulari) sulle scuole di Belfast, Kent ed Essex dove i bambini fanno uso dei tablet a scuola, confermerebbe che l’uso di questi dispositivi potenzia l’apprendimento, la comunicazione, la motivazione degli studenti, la ricerca proattiva, lo spirito d’iniziativa e la creatività.

Di visioni multitasking.

Secondo uno studio pubblicato da Accenture, la percentuale di persone che associano la visione di contenuti televisivi ad altri dispositivi, in pieno multitasking, è aumentata del 26%.
I tablet ritornano alla ribalta nuovamente, come supporto integrato alla visione della tv, difatti è aumentato il numero di consumatori che guardano film, programmi televisivi e video on demand tramite Internet. Di risposta le emittenti tv fanno progressi interessanti nella competizione contro i provider di contenuti globali.

Lista tablet per fascia di prezzo by Techzilla

Fin dalla loro comparsa sul mercato (il primo fu l’Ipad nel Gennaio 2010), quindi, i tablet hanno destato curiosità diventando un prodotto di larga diffusione con l’introduzione dei primi dispositivi economici come il Kindle Fire di Amazon. Il 2012 è stato l’anno del boom per continuare bene nel 2013.

Techzilla ha stilato una lista di tablet dividendoli per fasce di prezzo, alla fascia ultra economica appartengono Acer Iconia B1-710; Asus Memopad HD7 , HP Slate 7, Archos 70 GamePad; Acer Iconia A1.

Concludiamo con una domanda: la ribalta dei tablet è da intendersi come la fine dei personal computer?
Possiamo sulla base dei dati assentire che la diffusione di Ipad e dei vari modelli di tablet hanno inferto un duro colpo al mercato dei PC.

Post sponsorizzato

  • WebSottoSopra

    Il tablet è un ottimo strumento tecnologico. Fortunatemente anche scuole ed aziende se ne sono accorti!

    Sicuramente tra qualche anno il pc verrà utilizzato forse più in ambito lavorativo, a casa lo acquisterà chi ha esigenze particolari, tipo appassionati di grafica digitale, creare musica…la tecnologia cambia talmente velocemente che in tempi brevi sapremo il destino del pc…

    • Secondo me il pc così come lo conosciamo ha vita breve, ormai tutto è in mobilità. Grazie ad un tablet puoi fare quasi tutto quello che fai con il tuo pc e forse anche qualche cosa di più. Tablet + cloud+wifi

Shares