Share the good: il caso Coca Cola

Fotolia_56315161_Subscription_Monthly_MImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 53 secondi
Pubblicato il 14 marzo 2014

Coca Cola ha fatto parte della cultura popolare per oltre 100 anni ed è stato definito un “Vision Brand”. Le sue strategie di content marketing e la sua comunicazione sono mirati e arrivano al  pubblico in un modo che ben distingue questo brand dai suoi competitors principali.

Ma perché il suo content marketing o le sue strategie di marketing funzionano così bene?

Coca Cola non ha come missione vendere prodotti, ma vuole creare un significativo cambiamento positivo nel mondo per renderlo un posto migliore. Il messaggio che trasmette alle persone è: voglio aggiornare e migliorare il mondo, ispirare momenti di felicità ed ottimismo e voglio creare valore per tutti in modo da fare la differenza. Sicuramente avrete visto (e condiviso) alcuni dei video che Coca Cola ha realizzato, sicuramente ricorderete “Security Cameras”.

Security Cameras cocacolaYouTube

Uno dei video più belli in assoluto dal mio punto di vista, che ho guardato e condiviso più volte. Tra le informazioni del video troverete questa scritta:

Per tutto il tempo intorno a noi piccoli atti di gentilezza, coraggio e amore stanno accadendo. Segui Coca-Cola su Facebook, Twitter o Instagram per scoprire di più di questi atti di bontà. Raccontaci la tua storia e diffondi la bontà per il mondo utilizzando #sharethegood.

Avete notato come Coca Cola tramite un semplice video di 1 minuto e 25 secondi ci fa collegare la voglia di diffondere l’ottimismo, la felicità e la bontà (che dovrebbero essere insiti in ognuno di noi) al suo brand? L’immagine finale segna ancora di più il concetto: il messaggio è chiaro “open happiness” ed è affiancato dalla bottiglia della coca cola.

Security Cameras   YouTube

L’eccellenza creativa è sempre stata al centro delle pubblicità della Coca Cola, hanno capito che il contenuto e la collaborazione diretta con il consumatore sono la chiave del marketing nel 21° secolo su un web sociale. Il caso per eccellenza di modello collaborativo è ad esempio il progetto “Condividi una Coca Cola”: durato circa 4 mesi di personalizzazione del prodotto, grazie al quale il logo della bevanda più amata al mondo è stato sostituito dai nomi di battesimo, nomi generici e modi di dire più popolari e diffusi tra gli italiani. L’operazione ha generato un’accelerazione delle vendite con oltre 350 milioni di lattine e bottiglie prodotte; oltre a decine di migliaia di condivisioni su Twitter, Facebook e Instagram con l’hashtag #condividiunacocacola. Una fortissima operazione mediatica insomma, indovinate partita da dove? Dai clienti!

Condividi una Coca Cola

Cosa possiamo imparare dalla strategia di Coca Cola?

Crea contenuti condivisibili (anche chiamati “contenuti liquidi”)

Fai in modo che i contenuti che crei siano condivisibili su tutte le piattaforme social, fai in modo che siano così contagiosi da non poter essere controllati, per l’appunto “liquidi”.

Attento agli obiettivi della strategia

Un’altra cosa molto importante della strategia è assicurarsi che tutti i contenuti siano intrinsecamente legati ai tuoi obiettivi di business, al tuo marchio ed infine agli interessi dei tuoi clienti. I contenuti devono comunicare un messaggio congruente con la tua mission e i valori del tuo brand.

Crea Conversazioni

Coca Cola ha capito che il consumatore è in grado di creare molte più storie ed avere molte più idee di quanto non facciano loro e così ha iniziato a  provocare conversazioni ed azioni, che poi seguono e monitorano 365 giorni all’anno. Le nuove ” tecnologie di distribuzione”  Twitter , YouTube e Facebook offrono una maggiore connettività con i tuoi clienti e quindi non basta pubblicare, è diventato fondamentale interagire con loro.

Story Telling… dinamico

Come molte altre volte mi è capitato di dire, sui media tradizionali in passato anche il racconto era statico, una strada a senso unico. Televisione e giornali gridavano al consumatore senza mai interagire. Coca Cola è arrivata alla consapevolezza che per  far crescere il loro business sul web sociale hanno bisogno di passare da ” One Way Story Telling ” a  “Dynamic Story Telling “. E’ necessario far evolvere la storia e interagire con i propri utenti. Ti consiglio di leggere questo articolo sul “Visual StoryTelling”.

Sii coraggioso e creativo

La  nuova content strategy di Coca Cola sta applicando un principio d’investimenti per la creazione di “content liquid”  del tipo 70/20/10:

  • Il 70 % dei contenuti deve  essere a basso rischio. E’ il pane e burro del  marketing (deve essere facile da fare e occuparti quindi per poco tempo)
  • Il 20 % dovrebbe innovare qualche processo che ormai non funziona più o funziona male
  • Il 10 % del tuo content marketing sono le idee ad alto rischio

Come Coca Cola dobbiamo muoverci verso un vero e proprio modello di collaborazione con il consumatore, una co-creazione di contenuti. Dobbiamo imparare ad alimentare le conversazioni , agire e interagire.  Imparare a sfruttare i social network per migliorare la visibilità del brand è ora una parte fondamentale della tua strategia di marketing.

Shares