Search Engine Marketing: imposta e lancia una campagna online

search engine marketing
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 15 secondi
Pubblicato il 22 giugno 2012
in: - 2 commenti

Attraverso le attività di SEM, search engine marketing, si posso pubblicare annunci sotto forma di risultati sponsorizzati sui principali motori di ricerca per promuovere un sito, un brand, prodotti o servizi. Questi annunci vengono mostrati dai motori ogni qualvolta un utente effettua una ricerca di una parola chiave acquistata da un’inserzionista.

Il keyword adversiting è comunque un’attività in continua evoluzione. Ad oggi Google è leader dei servizi di keyword, alla base del suo funzionamento c’è un sistema di aste continue per l’acquisto di ogni singola parola chiave (maggiore sarà la richiesta di una determinata parola, maggiore sarà il suo costo).

I marketer hanno a loro disposizione alcuni pannelli di controllo attraverso i quali è possibile:

  • eseguite ricerche e analisi sulle parole chiave
  • selezionare le parole di interesse
  • acquistarle
  • redigere gli annunci
  • impostare gruppi, budget e conversioni
  • monitorare l’andamento della campagna

Impostiamo il lancio di una campagna SEM

Il lancio di una campagna online di SEM prevede alcune fasi :

  • analisi e definizione degli obiettivi
  • analisi delle keyword
  • scrittura annunci
  • landing page

Una volta definiti questi elementi, scelto i budget e il target di riferimento la vostra campagna può essere avviata. Analizziamo  punto per punto.

Analisi e definizione degli obiettivi

E’ la fase chiave della progettazione della campagna, attraverso questo punto dovrete scegliere se investire in know how interno o affidare la campagna ad agenzie esterne esperte in quest’attività. Attenzione anche al budget. Una volta scelto dovrete pensare a come distribuirlo nel tempo e come definire le metriche per misurare il successo. In questa fase è prevista anche l’identificazione delle parole chiave più rappresentative del settore e ovviamente migliore sarà la scelta maggiore sarà il ritorno economico.Non meno importanti sono gli obiettivi da prefissare. Di solito sono rappresentati da particolari tipi di azioni, ad esempio da download di qualcosa, da una registrazione a un form, una richiesta di preventivo o una prenotazione di una camera d’albergo.

Analisi delle Keyword

Per non sbagliare nella scelta della lista delle parole chiave ci sono ottimi strumenti messi a disposizione dai provider di servizi PPC. Se prendiamo in esempio il pannello di controllo delle campagne Google AdWords notiamo come siano sufficienti un paio di parole chiave per far uscire una lista numerosa di suggerimenti con relativi volumi di ricerca e costi mensili. Google AdWords consente di usare 4 diverse opzioni di corrispondenza delle parole chiave, che comportano altre possibilità di approccio con l’utente:

  • corrispondenza generica: genera di solito un elevato numero di impression
  • corrispondenza a frase: l’annuncio sarà visualizzato quanto l’utente effettuerà la ricerca usando le parole chiave
  • corrispondenza esatta: quando le parole chiave sono indicate tra parentesi quadre. Questo tipo di corrispondenza è molto più mirata.
  • corrispondenza inversa: le parole chiave sono accompagnate da un’altra parola preceduta dal segno – (meno) (stabilisce in quale occasioni l’annuncio non deve essere pubblicato)

Scrittura annunci

Parte essenziale dell’impostazione di una campagna è la scrittura dell’annuncio. Sono contenuti testuali con frasi che hanno lo scopo di attirare l’attenzione dell’utente e di trasformare una “impression” in  un “clic”. Il segreto sta nel creare annunci che in brevissimo tempo catturino l’attenzione dei potenziali visitatori del proprio sito.

Un annuncio su Google può occupare al max 4 righe:

  • una per il titolo (25 caratteri max)
  • due per il testo (70 caratteri max)
  • una per l’url di visualizzazione (35 caratteri max)

Landing page

La pagina di atterraggio. Praticamente è determinante sulle visite al fine di ottenere conversioni.  Quindi predisponete delle pagine di atterraggio ad hoc! Ecco alcune caratteristiche che dovrebbe avere una landing page:

  • un testo coerente con la parola chiave e l’annuncio cliccato
  • un testo persuasivo
  • un layout che evidenzi la call to action
  • un form di contatto/prenotazione/richiesta informazione semplice e all’interno della stessa pagina

A questo punto siete pronti per avviare la vostra campagna online! Ovviamente l’attività di SEM continua con altre fasi altrettanto importanti per il successo: monitoraggio e ottimizzazione.

  • L’articolo lo trovo interessante. sarebbe bene che la gente sapesse cosa voglia dire ottimizzazione parole chiave, il perchè di una landing page, come fare un annuncio ad hoc etc etc… Buona analisi!

Shares