Scegliere un Hosting provider in base alle proprie esigenze

Immagine tratta da: http://it.depositphotos.com
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 17 secondi
118 Flares 118 Flares ×

L’argomento che affrontiamo oggi è un po’ particolare. Spesso si è soliti sottovalutare questo aspetto di un sito web.

Scegliere un Hosting Provider non è mai facile e bisogna sempre affidarsi a provider competenti che ti garantiscano la sicurezza dei tuoi dati.

In questo post vedremo quali aspetti bisogna considerare per scegliere un Hosting Provider: purtroppo per noi, non basta guardare le caratteristiche e leggere il prezzo.

#1 Determiniamo le nostre esigenze

Dobbiamo capire che cosa vogliamo veramente dal nostro Hosting Provider. Prendi carta e penna (oppure apri un foglio di word su Google Drive) e inizia a fare una lista delle caratteristiche principali che deve avere il tuo hosting:

  • Quanta banda deve avere?
  • Quanto spazio su disco?
  • Un Database mi serve?
  • Mi serve un auto-installer per i vari CMS?
  • L’assistenza tecnica che caratteristiche deve avere? Che tempi di risposta?
  • Mi serve un hosting linux o windows?
  • La Webmail mi serve?

Queste sono solo alcune delle domande principali che ti devi porre quando scegli il tuo Hosting Provider.

Spesso paghiamo servizi che nemmeno utilizziamo perché non necessari al nostro progetto. Scegliamo bene.

#2 I diversi tipi di Hosting

Devi sapere che ogni Hosting provider può offrire diversi tipi di Hosting. Ogni tipologia di Web Hosting ha dei pro e dei contro e c’è chi può adattarsi meglio alle tue esigenze e chi invece no. Qui di seguito trovi le tipologie di Hosting più utilizzate:

  1. Hosting Condiviso: è l’ideale per chi ha un piccolo progetto e non richiede grandi risorse. In questa tipologia di Hosting, il tuo sito web condivide le risorse del server con altri X web site. Può capitare, dunque, di subire dei lag quando altri siti web sviluppano una quantità elevata di visite.
  2. Cloud Hosting: pensi che il tuo sito web crescerà velocemente nel tempo? Questo è la tipologia di Hosting che fa al caso tuo. Il Cloud Hosting ti permette di aggiornare velocemente le risorse del tuo hosting: in questo modo, quando capisci che le risorse attuali non sono abbastanza, puoi aumentarle dal pannello di controllo.
  3. VPS Hosting: questa tipologia di Hosting è l’ideale per chi ha già una buona quantità di visite e di accessi giornalieri. VPS significa Virtual Private Server: il tuo hosting, dunque, si troverà su un Server Virtuale Private.
  4. Server dedicati: se sei alla ricerca di ottime prestazioni e se per il tuo hosting utilizzi una notevole mole di risorse (GB di database e spazio disco, un notevole numero di accessi unici al giorno) questa è la soluzione che fa per te. Parallelamente, però, il Server Dedicato è una delle soluzioni più costose.

Prima di scegliere la tipologia di Hosting, cerca di guardare a lungo termine: se prevedi che il tuo progetto raggiungerà in breve tempo un notevole consumo di dati, è inutile comprare un Hosting Condiviso. Rischieresti solamente di dover effettuare l’uprade entro poco tempo.

#3 Contattiamo l’hosting provider

Ok abbiamo scelto la tipologia di Hosting da utilizzare e abbiamo trovato il nostro piano hosting.

La mossa successiva è quella di contattare direttamente l’hosting provider (via e-mail o via telefono) per porgli alcune domande utili, come le seguenti:

  • Avete una garanzia di uptime?
  • È previsto un programma di installazione di script automatici e un numero verde?
  • Che tipo di supporto offrite? Telefono, live chat, biglietti o email?
  • Avete un tempo medio di risposta?
  • Se il CMS che ho installato mi da qualche errore, mi aiutate a risolverlo?
  • Offrite una garanzia di rimborso? Se sì, dove posso approfondire l’argomento?
  • Vi sono delle promozioni in atto al momento?

Il contatto diretto con l’hosting provider ti aiuterà a capire se è veramente la soluzione che stavi cercando, oppure se ti conviene cercare un altro provider.

In Conclusione…

La scelta del proprio Hosting provider deve essere una scelta fatta valutando molti aspetti e non fermandosi solamente al prezzo e alla descrizione che troviamo su internet.

Valutiamo eventuali recensioni e/o pareri di blogger ed aspetti del settore.

E tu, come hai scelto l’hosting del tuo sito web? Quali caratteristiche hai consultato?

Articolo liberamente tradotto e adattato da: WebDesign Tuts+

  • RD

    Noi usiamo da un po’ coolnetwork uno dei pochi provider in italia ad offrire il supporto al modulo sviluppato da google mod_pagespeed per ottimizzare la velocità di caricamento del proprio sito.

118 Flares Twitter 29 Facebook 40 Google+ 36 LinkedIn 13 Pin It Share 0 118 Flares ×
Leggi altro:
Responsive iceberg by Brad Frost
Non basta essere “responsive”, bisogna essere “adaptive”

Nella corsa all'innovazione non abbiamo tenuto in considerazione alcuni fattori che vanno oltre al dispositivo, per questo non basta più...

Chiudi