Rivoluzionare l’organizzazione dei contenuti (sì, è possibile)

Contenuti WebImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 15 secondi
Pubblicato il 21 maggio 2014

Ho letto Il blog è uno strumento sopravvalutato, uno degli ultimi post di Luca Orlandini. Sono rimasto piacevolmente colpito da questo articolo perché sottolinea una grande verità (che poi si trova anche ne sottotitolo): stiamo comunicando nel modo sbagliato.

Sì, probabilmente anche tu stai comunicando male. Stai organizzando i contenuti considerando solo le ultime cinque (forse dieci) pubblicazioni. ma questo vale anche per me!

In realtà è il concetto stesso di blogging che si dovrebbe mettere in discussione. Cosa caratterizza il tuo diario online? Il susseguirsi degli aggiornamenti, la necessità di ordinare in fila, uno dietro l’atro, gli aggiornamenti. Post dopo post, articolo dopo articolo, il tuo blog cresce e si sviluppa.

Ma soffre di un male: l’oblio dei contenuti. Tutto svanisce, tutto si dimentica. Centinaia, migliaia di articoli ritornano nel vuoto assoluto.

Beh, dai… non esageriamo. La maggior parte dei blog (almeno tutti i blog che conosco, compreso MySocialWeb) vivono attraverso le ricerche di Google. Ciò significa che i tuoi articoli vengono ripescati, letti, riletti e condivisi.

mysocialweb

Dai, non mi voglio nascondere dietro un dito. Amo il mondo del blogging, lavoro in questo settore, ma è estremamente difficile organizzare una fruizione dei contenuti che tenga conto dell’intera esperienza di blogging.

Come si può risolvere questo punto e lavorare verso la costruzione di un blog capace di presentare una narrazione dei contenuti degna di tale nome? Io direi, in primo luogo, di migliorare categorie e tag (io seguo queste regole):

  • Ogni articolo una categoria, massimo due.
  • Ogni articolo massimo tre tag.

E poi credo che sia giusto lavorare con i link interni. Magari creando delle liste di approfondimento in cui inserire articoli legati all’argomento trattato. A tal proposito potrebbe essere interessante inserire dei box, ovvero le tappe di un percorso utile all’utente per completare un argomento.

Ho cercato a lungo una soluzione

L’ho trovata in questo blog. Entra, scorri l’articolo, guarda la sidebar: c’è un widget che ti segue. Un widget che ti suggerisce l’avanzamento del post. La barra scorre da sinistra a destra e indica lo stato della lettura. Ma anche gli altri capitoli dell’argomento.

Ecco, io credo che questo sia un ottimo modo per migliorare l’organizzazione dei contenuti di un blog. L’obiettivo è semplice: creare un percorso che si snodi all’interno di quella marea di contenuti organizzata male.

Tag e categorie possono racchiudere i post in macro contenitori, i link interni e i post suggeriti alla fine dell’articolo possono migliorare l’architettura di un testo e aiutare il lettore ad approfondire, ma tutto questo non basta.

Con questo widget, invece, mi sembra facile dare vita a un mini ebook all’interno del blog.

Sto fantasticando? Sei d’accordo? E, soprattutto, credi che sia facile ottenere una soluzione simile per il blog di un comune mortale?

  • simone

    ottimi spunti in questo articolo Riccardo! ma il widget come si chiama?

    • Ciao Simone,

      In realtà non credo che sia un widget comune. Mi piacerebbe anche a me averlo su My Social Web 🙂

Shares