Risultati sondaggio: quanto guadagni lavorando nel web 2014

Lavoratori Web 2014
Tempo stimato di lettura: 0 minuti, 25 secondi
Pubblicato il 7 luglio 2014

Qualche giorno fa abbiamo lanciato un sondaggio sul sito relativo ai compensi medi che guadagna chi lavora nel mondo del web . Dopo aver analizzato e rielaborato attentamente i dati, abbiamo deciso di realizzare un’infografica che riassuma quanto emerso.

Il campione, non statisticamente rilevante, di persone che hanno risposto è di 214 utenti.

Oltre ai valori assoluti l’infografica racchiude le analisi per sesso, età e provenienza geografica.

Un ringraziamento particolare va a Lorella Molteni per l’estrapolazione dei dati e a Silvia Crivellaro per l’infografica.

Lasciamo a voi ogni commento 🙂

Risultati Sondaggio Guadagno Lavoratori Web 2014

  • Fcucci

    Bellissima infografica!

    • Grazie! Se ti piace particolarmente ci aiuti a condividerla? 🙂

  • interessante e curioso: le poche donne che lavorano nel campo in italia hanno risposto tutte al sondaggio. lazy boys!!!

    • Purtroppo gli utenti, anche se in anonimato, sono molto restii a rispondere, a noi fa piacere che il gentil sesso si sia dimostrato più ben disposto, speriamo che la loro fiducia sia stata ben riposta. Sono convinto che non sia un male dopotutto anzi 🙂

  • Veramente ben fatta, conferma il trend sul crescente mercato dei liberi professionisti con partita IVA.

  • philips

    Carina la ricerca, ma mi sembrano un po’ strani i dati sul reddito. Incrociandoli con le tipologie di inquadramento lavorativo, a mio avviso, c’è qualcosa che tocca.

    • Grazie @philips81:disqus, come detto purtroppo abbiamo un campione poco rilevante statisticamente. Che cosa non ti torna in particolare? Siamo aperti a sentire tutte le considerazioni per migliorare ogni anno la qualità del sondaggio!

      • philips

        Non mi tornano i dati relativi alla tipologia di contratto ed il guadagno annuale. In pratica, la maggioranza si dichiara libero professionista, ma nel grafico sotto risulta che la percentuale di persone é uguale per tutte le fasce di reddito. Quindi, molti degli intervistati, hanno mentito, perché le fasce di reddito dovrebbero avere un andamento come l’inquadramento professionale.

  • Giuseppe De Nardi

    interessante sono queste le donne moderne? rendere il web più bello più interessante se non le donne chi lo può fare meglio

  • LorenzoRenzulli

    Dati interessanti, mi aspettavo più gente al sub, personalmente conosco molte persone che al sud non trovando lavoro se ne sono inventate uno online.
    Per i compensi, poteva anche andare peggio, certo che il 23% sotto i 10000 euro è un po’ triste, ma piuttosto che in un call center meglio prenderli lavorando online.

    • Il 23% sotto i 10.000 sono, a mio avviso, verosimilmente tutti quelli che vendono servizi low-budget. I cosìdetti ammazza-mercato che di fatto “scremano” una certa tipologia di cliente. Inoltre, se guardi le tabelle, la % è determinata anche dall’età (18-24) 😉

      • LorenzoRenzulli

        Poi non è detto che quello “sul web” sia l’unico lavoro per questi, magari è il secondo o il terzo…

  • Secondo me bisogna dividere l’area “design e sviluppo” e non tenerla unita. E’ noto quanto il design paghi molto meno dello sviluppo (di software, di app, webapp, etc). Potrebbe essere falsato il risultato dunque.

    • Concordiamo, avendo lasciato campo libero per la scelta della professione abbiamo avuto un’eterogeneità tale di dati che sarebbe stato difficile dividere ulteriormente quest’area, sicuramente la prossima volta, invece della professione “secca” metteremo l’area cercando di rendere più efficace il sondaggio. Grazie @danieleferla:disqus

      • Si sarebbe piu giusto e sicurament ei risultati piu “precisi”. Il vostro sondaggio risulta comunque interassante.

  • perdonatemi ma questa non è un infografica. questi sono dei grafici e delle tabelle che in excel risulterebbero più leggibili. L’infografica avrebbe senso se aiutasse una lettura più veloce e narrativa che qui non è presente.

    • La parte iniziale è orientata verso l’infografica. Il resto, dove si trovano le tabelle, non abbiamo voluto escluderlo affinchè i dati (quelli incrociati erano e sono, nonostante le selezioni, davvero molti) fossero disponibili per tutti. Crediamo che risulti comunque di facile comprensione sebbene non sia sicuramente interattiva.

  • Monica Emzed Zanatta

    Ciao, scusate la domanda cretina (forse mi sono persa qualcosa):
    ma per tutto quello che riguarda i lavoratori autonomi le cifre sono relative al lordo fatturato o al netto delle (tante) tasse?

    • Ciao @monicaemzedzanatta:disqus, abbiamo chiesto il salario medio LORDO annuale in €

      • Monica Emzed Zanatta

        È che faccio fatica a capire come mettere il relazione il fatturato di un’impresa individuale o di un libero professionista con quello che vede in busta paga un dipendente, visto che le tasse/trattenute coprono aree non del tutto sovrapponibili.

        A mio avviso avrebbe avuto più senso parlare di cifre nette, che è poi quello che ci si ritrova a gestire per vivere e che indica effettivamente il tenore di vita di una persona.

        Ma magari sono solo io che non immagino e non capisco i calcoli che avete fatto dietro 🙂

        • I dati fanno sempre riferimento a quello che la persona fisica mette in tasca come “lordo” annuale, non ai fatturati di un’azienda con dipendenti. In quel caso il titolare mette il suo importo. Per il fatto di mettere cifre nette il problema rimarrebbe, perchè, non sapendo il tipo di regime fiscale in cui si opera, sarebbe difficile giustificare le diversità (in base alle % di tassazione differenti). Se hai indicazioni per rendere migliore e più chiaro il dato ben venga, non siamo un istituto di sondaggi, ma cerchiamo, grazie al contributo di tutti, di migliorare il sondaggio ogni anno 😉

          • Monica Emzed Zanatta

            Troverei in ogni caso più utile a capire la situazione, in generale, il ragionamento sul netto 🙂

            I dipendenti non riescono in genere a immaginare che fatturare 30.000 euro, per un libero professionista (per cui quindi quello è il “lordo” annuale che mette in tasca la persona fisica), voglia dire avere a propria disposizione, spesso, una cifra mensile più bassa di quella che percepiscono loro nonostante le trattenute in busta.
            (Per chi è in regime agevolato sarà una cosa, per chi non lo è un’altra, ma la media parlerebbe secondo me in modo più “sincero”.)
            Non perché siano stupidi, capiamoci, ma perché da dipendenti non si è abituati a fare certi ragionamenti e io per prima vedevo quelle cifre come traguardi positivi.
            E poi invece, togliendo le tasse, rimangono solo briciole.

            Se vogliamo capire come SI VIVE da professionisti del web (e non guardare dei numeri fini a se stessi) credo che il quadro visto dal netto sarebbe molto più indicativo di com’è la realtà.

          • Vediamo se riusciamo ad estrapolare il dato che chiedi. Quindi tipologia di contratto (per capirci) e % media di guadagni, così da differenziare lavoratori autonomi e dipendenti 😉

          • Monica Emzed Zanatta

            Mi piacerebbe semplicemente che chi guarda da altri campi si rendesse conto di come sono REALMENTE le cose e la smettesse di invidiarci a vuoto (infierendo sulla nostra già pesante e persistente incazzatura).
            😉

          • 🙂 Beh intanto questi dati comunque non mostrano un quadro troppo roseo, ad ogni modo, facciamo il possibile per avere dati suddivisi per tipo di contratto

          • Monica Emzed Zanatta

            Non era quello che intendevo ma… ben venga 🙂

          • Ho capito la tua esigenza, ma non possiamo “far nulla” per la tua richiesta al momento. Quello che ti ho proposto è la “soluzione” più pratica e concreta per fare maggior chiarezza in tal senso.

  • Andrea

    Ciao mi aggrego alla domanda di Monica, nella slide “reddito annuale” per reddito si intende il fatturato complessivo o l’utile al netto di tassazioni?

    • Ciao Andrea, abbiamo risposto sotto. Si parla di Lordo, cercheremo di estrarre i dati divisi per tipologia di “contratto” (p.iva, dipendente ecc) per dare una panoramica più chiara.

      • Andrea

        Capito, effettivamente così è un p’ò strano sopratutto la fascia <10.000,00 lordi

  • Infografica davvero interessante, complimenti per il lavoro svolto. Un dato che mi ha stupito è stato quello relativo alla % di donne, lo credevo decisamente minore (non per motivi particolari ma giusto a “sentimento”).

    • Grazie Luca 🙂

    • Elisa Baliani

      Il campione infatti non è statisticamente rilevante, solo 214 sondaggi non sono molti!

      • L’abbiamo scritto @elisabaliani:disqus, non fatecene una colpa, il reach complessivo è stato alto, la partecipazione maschile meno 😉

  • Elisa Baliani

    Personalmente credo che per il reddito annuale non si possa fare di tutta l’erba un fascio: gli sviluppatori non guadagano come i grafici. Allo stesso modo all’estero non si guadagna come in Italia. Per “Area altro” cosa si intende? Così come Estero|Altro, non è molto chiaro. Sarebbe interessante far emergere dati più specifici e significativi in modo da poter trarre conclusioni più veritiere.

  • Grazie per i dati e complimenti per il lavoro svolto 🙂 sinceramente mi aspettavo molti più lavoratori dall’estero 🙂

  • a mio avviso l’infografica pecca di visibilità proprio nel punto cruciale… sul reddito. La font scelta rende poco leggibile i numeri ed anche il formato grafico ‘appiattisce’ la vista…

    • Ci attiveremo per migliorare questo aspetto per il sondaggio 2015, grazie del feedback

  • Bertalan Ivan

    Complimenti per il coraggio di pubblicare un sondaggio con 214 valutazioni.
    Ho l’impressione pero’ che gli utenti del sud fossero tutti al mare. Ma poi si intenderá luogo di lavoro o luogo di nascita/formazione?
    Nel prossimo sondaggio sarebbe carino specificare tutti e due. Confrontato con il reddito e gli altrid ati si potrebbero estrappolare diversi valori socialmente utili.

    • Grazie per il suggerimento @bertalanivan:disqus

Shares