Quanto costa un sito web?

cliente-spaventato-preventivoImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 6 minuti, 15 secondi
Pubblicato il 2 aprile 2014

Questo articolo è rivolto a te, professionista, che hai trovato questo post mentre cercavi su Google “costo sito web”. Forse un freelance o un’agenzia web ti ha presentato un preventivo.

Se non sei caduto dalla sedia e sei ancora vivo, ti prego di leggere con attenzione questo articolo che ha come obiettivo quello di illustrarti cosa c’è dietro la cifra che trovi scritta sul preventivo.

Iniziamo col dire che siamo entrambi dei professionisti. Come tale sai che il tempo, la struttura, il personale, le tecnologie e gli investimenti fatti per il tuo lavoro devono darti un ritorno economico. E in quanto professionista, non desideri che il tuo lavoro sia sminuito. Eppure è quello che accade a noi Web Designer tutti i giorni. Per farti un esempio, un consulente finanziario mi disse, a fronte del mio preventivo, che con 50 euro poteva fare la “stessa cosa” su un servizio che vende siti già fatti. La mia risposta è stata che in edicola a 3,50 € vendono giornali di economia e finanza. Detto questo, il post potrebbe concludersi qua.

In realtà, questo è solo un aneddoto introduttivo per illustrarti che affidandoti ad un professionista come lo sei anche tu, ci sono delle garanzie e una personalizzazione del lavoro tali che il risultato finale sarà degno della professione che svolgi e darà dignità e credibilità alla tua immagine.

Vorrei però, senza entrare troppo nel tecnico, illustrarti cosa c’è sotto il cofano, per motivarti ad accettare il fatto che oggi, rispetto a 20 anni fa, fare un sito web non vuol dire più creare una pagina di Word e salvarla come HTML. E’ complesso, è articolato e deve tenere conto di molti fattori, vediamo quali.

Il problema di internet è internet

Internet ormai è talmente vasto e capillare che forse di siti come il tuo o il mio ce ne sono altri 100 e magari meglio posizionati e più belli. Perciò, mentre internet spesso risulta essere vantaggioso ed immediato (vedi lo scambio di informazioni in tempo reale) risulta anche un’arma a doppio taglio se non ci si sa presentare bene acquistando la fiducia degli utenti.

Come faccio quindi ad acquistare la fiducia dei miei clienti che per la prima volta mi trovano su internet? Innanzitutto facendoti trovare: una volta bastava indicizzare il sito con molte parole chiave. Oggi Google ha stravolto le regole. I suoi algoritmi sono sempre più “umani”, analizzano i tuoi contenuti, la qualità delle tue informazioni, la qualità tecnica e grafica del tuo sito e soprattutto il tuo collegamento con i social e servizi di terze parti. L’arte di mettere insieme questi elementi ed essere ben posizionati nei motori di ricerca si chiama SEO e credimi: è una professione a tutto tondo.

Un bravo SEO Specialist è in grado di scegliere con te la strategia adeguata per dare valore ai tuoi contenuti, facendoti acquistare la fiducia sul web che sbaraglierà la concorrenza. Inoltre, si sceglieranno e si implementeranno i social network più adatti alla tua attività.

Analisi

Per una corretta strategia SEO e per individuare i punti di forza del tuo sito e come tu o i tuoi colleghi caricherete contenuti, gestirete le fotografie e per stabilire tutte quelle logiche sui contenuti da utilizzare, è necessaria un’analisi. Spesso farai delle video conferenze, riunioni a tu per tu. Queste ore di lavoro sono un investimento mai a perdere. Se l’analisi sarà fatta bene e con calma, tutto scorrerà più veloce e i vostri desiderata saranno chiari e più facili da soddisfare.

Grafica

Se vai da un sarto a farti fare un abito su misura, di sicuro prima vorrai dare un’occhiata ad alcuni modelli. Noi web designer facciamo la stessa cosa. Generiamo dei modelli (o bozze) dopo aver raccolto informazioni suoi tuoi gusti, sulle tue necessità o dopo che ci hai fatto vedere altri siti web dai quali vuoi prendere spunto (vedi Analisi).

Nessun servizio online a 50 € ti da la possibilità di personalizzare al 100% la grafica del tuo sito. I modelli da loro offerti sono poche decine, forse a volte centinaia (non per 50 € però…) e sicuramente qualcun altro prima di te li avrà già scelti e utilizzati. Per realizzare le bozze, il vero web designer prima di tutto crea un wireframe, ovvero uno schizzo logico di come e dove verranno presentati i contenuti sulle pagine del sito. Si creano poi delle bozze grafiche, le quali vengono fatte con software professionali tipo Photoshop o Illustrator, spesso delegando ad un grafico professionista. Una volta scelta la tua veste grafica preferita, si passa alla stesura del codice.

Web Design

Quello che tu hai visto presentato sotto forma di bozza è un’immagine in JPEG o PNG. Ora, questa immagine va tradotta in codice leggibile dai browser. Per fare ciò, spesso bisogna scrivere centinaia (e a me spesso è capitato anche migliaia) di righe di codice CSS, HTML e JavaScript. Attenzione: certi effetti grafici vanno scritti apposta per essere visibili anche su browser più datati (uno su tutti Internet Explorer 8).

Inoltre, è un dato di fatto che la maggioranza del traffico internet proviene da mobile (smartphone e tablet). Di conseguenza, un bravo web designer ti creerà il sito affinché esso sia navigabile da qualsiasi dispositivo mobile. Questo significa progettare il  modo in cui gli elementi del sito si disporranno per una corretta visualizzazione e navigabilità a prova di touch. Questo implica la conoscenza di molte tecniche e ha stravolto negli ultimi anni l’approccio con il quale si progetta un sito web. D’altronde, se non si fa un sito mobile, oggi ha poco senso essere on line ed investire.

CMS/Web Application e sicurezza

Un CMS è un gestore di contenuti che ti da la possibilità di essere autosufficiente nel caricare contenuti sul tuo sito. Non tutti i siti richiedono per forza un CMS e se lo richiedessero non per forza dovresti gestirlo tu in prima persona. Nella maggior parte dei casi, certe funzionalità che rendono dinamici i dati di un sito (blog, community, inserimento dati, pubblicazione dinamica di foto e video ecc) sono possibili solamente con un CMS (o creando ad hoc una Web Application). Va settato correttamente e questo implica conoscenze di scrittura dati su Data Base e un minimo di dimestichezza sui Web Server. Inoltre i tuoi dati che saranno caricati sul CMS dovranno essere al sicuro, perciò si dovrà fare attenzione alla privacy degli utenti che si registreranno al sito, al backup e restore del Data Base in caso di perdita dati e a sistemi di sicurezza per evitare attacchi al sito da parte di hacker o robot che tentano di accedere ai dati.

Manutenzione

Dopo che tutto questo marchingegno è stato messo in moto, sicuramente nel corso dell’anno ci sarà bisogno di fare piccole correzioni, aggiunte, aggiornamenti di sistema e quant’altro. Non dovrai aprire ticket che con calma saranno visionati da qualcuno che ti darà una risposta semi-automatica. Con un freelance o un’agenzia web sarai libero di comunicare a tu per tu con i tecnici in tempi ragionevoli, senza creare un disservizio ai tuoi clienti.

Ci sarebbero tante altre cose da dire, ma il rischio è quello di scendere troppo nei dettagli tecnici. Il mio obiettivo è farti rendere conto che tutti questi pezzi che hai letto, messi insieme, formano il tuo sito internet di qualità e che darà valore alla tua immagine.

Ora riprendi in mano il preventivo. Ora, rifletti sul totale. Pensi davvero  che con 50 € certi servizi ti possano dare tutte queste funzioni?

Tornando all’esempio di prima, non penso che con un giornale da 3,50 € io possa ricevere un’adeguata consulenza finanziaria professionale. E per un sito web?

A voi la conclusione.

pick_a_freelance_bannerone_sito

  • Adoro, ADORO questo post.

    Io, avendo lavorato per anni con i ristoratori, faccio spesso questo esempio: “ma se io venissi a cenare da lei, diciamo… antipasto, primo, secondo e dolce, e mi alzassi dicendo che potevo tranquillamente cucinarmi la stessa cosa a casa con una spesa di 10€, a lei non roderebbe neanche un po’?”

    • Alessandro Arcidiaco

      Bellissimo esempio il tuo Viola, forse ancora più funzionale dato che al ristorante ci andiamo tutti anzi: nonostante la crisi i ristoranti sono sempre pieni! Perciò un esempio che inchioderebbe chiunque! 😀

      • Rivenditelo pure, non m’offendo 😀
        I ristoratori sono persone a modo eh, ma a volte ti capitano delle bestie rare. Uno disse: “Signò, noi siamo davanti al mare e non navighiamo là, figuriamoci su internet”
        Che pazienza….

        • G@bry

          Tanta pazienza Viola … vero.
          L’ultimo cliente mi ha detto: “non abbiamo soldi, ti posso pagare con un abbraccio”. Io gli ho risposto: adesso vado a fare il pieno alla macchina e provo a pagare con un abbraccio, se al benzinaio gli stà bene allora accetterò il tuo compenso, se per caso mi dovesse reclamare soldi … bhe allora gia’ sai!!!
          Facciamo un gran bel lavoro ma … caspita quanto è dura farsi accettare un preventivo.

          • Mi piace questa degli abbracci… ma cozza con la filosofia “free hugs”. Come la mettiamo?? 😀
            A volte altro che abbracci, ma delle gomitate alla bocca dello stomaco..

          • Accorsi

            Un presidente di una azienda al quale avevo fatto un’offerta di 6.000 euro per il sito mi disse che se avessi tolto uno zero avrebbe fatto l’ordine; gli risposi che nel parcheggio riservato alla direzione avevo visto un Porsche Cayenne: se quando l’aveva comprata il concessionario gli aveva tolto uno zero, io allora avrei fatto ancora meglio togliendone 3, e gli avrei fatto così il sito per 6 euro. Son passati 6 anni e il sito è ancora quello vecchio !!!

        • Giacomo

          hahahaha

    • Concordo, stupendo!

  • Fabrizio Di Lello

    B R A V O.

  • Mirco

    Sante parole! Sante parole!

    Perchè, ne vogliamo parlare, di quelli che pretendono essere nei primi posti, con un sito ben fatto (magari in 2 giorni), bello graficamente e curato … a soli pochissimi EURO!
    Come avere una bella macchina potente e non rifornirla di carburante per farla camminare e sfrecciare.

    Amen

    • Alessandro Arcidiaco

      Grazie Mirco, è vero. Putroppo come ho scritto nell’articolo il primo problema di Internet è proprio internet. Di conseguenza la diffusione rapida di informazioni fa credere che tutto sia facile e veloce, con soli due click. Ma non è così e lo sappiamo bene.

  • Sarà mia premura stampare su una maglietta questo articolo ed indossarla ad ogni appuntamento con i clienti!

    • Alessandro Arcidiaco

      Oppure allegarla al preventivo! 😀

  • Guest

    Purtroppo i clienti dopo i preventivi mi rispondo SEMPRE: mi sembra esagerato questo prezzo! che ci vuole a fare la grafica? metti due cose e hai fatto!.
    Questo articolo è la mia risposta ogni santa volta.
    Ma non c’è proprio niente da fare! Non capiscono la differenza tra il lavoro da 50€ e quello da un prezzo superiore.

  • Valentina Tangredi

    Purtroppo i clienti dopo i preventivi mi rispondono SEMPRE: mi sembra esagerato questo prezzo! che ci vuole a fare la grafica? metti due cose e hai fatto!
    Questo articolo è la mia risposta ogni santa volta.
    Ma non c’è proprio niente da fare! Non capiscono la differenza tra il lavoro da 50€ e quello da un prezzo superiore.

    • Ehehe se ti rispondono SEMPRE hai già un merito 🙂 Chissà se lo leggeranno Valentina, noi ci proviamo no @alessandroarcidiaco:disqus ?

    • Giacomo

      hahahaha mamma mia viviamo in un mondo ottuso come pochi!
      io mi sarei alzato e me ne sarei andato, così…su due piedi!

  • Federico Sada

    Purtroppo il vero errore lo facciamo spesso anche noi. Chi non riesce a dare il giusto valore al proprio lavoro, come può credere di convincere un’altra persona a pensare il contrario?! Il vostro cliente sbuffa e vi minaccia di andare dal nipote che lo farebbe come voi?!… lasciatelo andare! Chi ha bisogno di un professionista e di un lavoro professionale non andrà mai dal fratello del nipote dell’amico. Può provarci magari, ma farà ben presto la strada inversa e tornerà da voi. Ovviamente se varrete di più di quel fratello del nipote dell’amico di turno. La professionalità si paga, come è giusto che sia. SVEGLIAMOCI!!! ( non fraintendetemi i tempi sono difficili per tutti, però se si vuole cambiare qualcosa, secondo me, bisogna in primis cambiare il nostro approccio al cliente e al lavoro)

    • Si Federico, infatti l’articolo non era una scongiura ad accettare il nostro preventivo. Se non vuole accettarlo nonostante gli sforzi di farne percepire il valore, il cliente è libero di scegliersi un altro fornitore. L’intenzione era di sensibilizzare coloro che pensano che in generale fare siti web costa poco e che sia un mestiere che chiunque può svolgere. 😉

  • Bravo Alessandro Arcidiaco, condivido tutto, in pieno. Occhio che il link a Twitter nel tuo gravatar non linka..

    • Grazie Elled sia del commento che della segnalazione, provvedo a correggere! 😉

  • Simone

    Gran bell’articolo Alessandro, complimenti e in bocca al lupo a te e tutti quelli che hanno partecipato alla discussione! Siamo tutti sulla stessa barca ragazzi…. 😉

  • Maria Cristina

    bellissimo articolo, parole sante!!!!!

  • Freddy

    Ti amo

  • A mio avviso bisogna contestualizzare il target di una pagina contenente i prezzi di un sito web. Chi cerca “costo di un sit web” è sicuramente un target che non ha minimamente idea di quale investimento fare e non ha alcuno storico a riguardo. Non ci vedo una azienda di medie dimensioni italiane che si mette a cercare “costo di un sito web”, probabilmente invece lo farò con “agenzie di sviluppo siti web a Bergamo” per esempio. Detto questo secondo me è necessario essere chiari specificando che lo sviluppo di un sito web non può scendere sotto una certa soglia o, se vogliamo dirla al contrario, ha un prezzo minimo (e anche uno sviluppo minimo). Intercettare un target del genere quiondi significa anche “istruirlo” a come un sito web viene sviluppato, quale è il modo di operare, e quali sono le varie tipologie di siti web che possono adattarsi alle necessità.

  • Il Bulgaro Curioso

    Sante parole!!!Il problema sono anche i freelance e web agency che hanno preso in giro le aziende e i privati promettendo e GARANTENDO risultati che nessuno può garantire..ora come ora, ci si trova a combattere purtroppo contro l’indiffidenza delle persone scottate in passato..

  • EucleppioDEU

    articolo molto interessante (nn è sarcasmo)

  • alessandra genti

    Io parlo da cliente e devo dire che ho trovato il tuo post molto interessante. All’inizio anche io pensavo che bastasse una mezza giornata per fare un sito internet e che quelli delle web agency fossero dei ladri che lucravano sulla gente che lavora. Invece poi mi sono resa conto che ci vuole tempo, esperienza e tanta pazienza per fare un sito internet. (parte della colpa l’hanno anche certe pubblicità ingannevoli)

Shares