Organizza il tuo lavoro da Copywriter con Evernote in 4 mosse

evernoteImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 54 secondi
Pubblicato il 11 marzo 2015

Prima di arrivare ad usare Evernote ho provato svariati strumenti per l’organizzazione delle mie idee e del mio lavoro di webwriter e blogger. Memo sul notepad del telefono, email in bozze, applicazioni di promemoria, Google docs e chi più ne ha più ne metta. Ultimamente ho abbandonato il caos di queste mille piattaforme per approdare ad un’unica soluzione che mi permette di essere più produttiva e soprattutto più organizzata. Siore e siori ecco a voi Evernote!

Annota, sempre e dovunque

Evernote è una piattaforma che ti permette di prendere appunti, mettere idee, bozze e progetti nero su bianco, organizzare il tutto e portarlo sempre con te. Sì, tutto bello, ma la differenza con altri tools? Te la riassumo in 4 features che trovo fondamentali:

multi-piattaforma sincronizzata – che sia il portatile o il fisso, il tablet o il telefono, le tue note sono sempre con te e sono sempre sincronizzate;

verso l’infinito ed oltre – puoi creare numeri infiniti di taccuini, che raccolgono infinite note testuali, fotografiche e persino audio. Nessun limite alla tua creatività né alla tua produttività;

organizzazione – ogni elemento può essere organizzato con titoli e tag che ti permetteranno di trovare ciò che cerchi facilmente;

condivisione – la possibilità di condividere i tuoi appunti con gli altri, ti permette di migliorare e facilitare il lavoro in gruppo, oltre che monitorare lo stato di avanzamento dei lavori;

Evernote è un vero e proprio spazio di lavoro. Prova a vederlo come la tua scrivania: a sinistra la libreria-archivio,  a destra il taccuino per gli appunti, l’agenda con scadenze e to-do-list davanti e la sveglia per i promemoria di fianco a te.

Come organizzare il tuo lavoro di copywriter (e non solo) in 4 mosse

La figaggine di questo strumento sta nelle sue potenzialità per il tuo lavoro da freelance. Grazie ad Evernote potrai essere più organizzato, quindi più produttivo e quindi sarai un freelance migliore. Come? Ecco 4 consigli per te.

Evernote - spazio di lavoro

1. Crea un taccuino per ogni idea

Pensa ad ogni taccuino come ad una lavagna di sughero davanti alla tua scrivania: riempila di post-it, foto ed elementi utili a quell’idea. Ogni post-it sarà una nota nel tuo taccuino di Evernote, che conterrà tutto quello che necessiti per sviluppare il tuo post, il tuo progetto. Ti consiglio di creare una nota per ogni aspetto del tuo progetto, qualora fosse anche solo il prossimo post.

Quando devo scrivere un nuovo post creo un nuovo taccuino con il possibile titolo, poi creo una nota con i link da leggere e/o link utili, una nota per ogni paragrafo corredata spesso di un’immagine ed una nota varie ed eventuali. Spesso mi capita anche di scrivere parte del post in nota. Infatti la formattazione che usi su Evernote, viene mantenuta quando passi su WordPress.

2. Struttura le informazioni

All’interno di ogni nota sviluppa un aspetto specifico dell’idea. Se si tratta di un paragrafo del post, ad esempio, raccolgli tutti gli elementi che dovrai sviluppare. Io faccio spesso liste puntante con parole chiave, aggiungo foto e citazioni.

Organizzo quindi le idee, gli do una forma e le preparo per essere sviluppate appena sarà il momento.

3. Calendarizza le tue idee

Se hai creato un taccuino per ogni post del tuo blog, puoi creare il tuo piano editoriale direttamente con Evernote. Come? Annida i taccuini dentro un taccuino-cartella, che nominerai col nome del blog a cui si riferiscono i post. Ad ogni post aggiungi un promemoria, che indica la data di pubblicazione di questo.

Cliccando poi sul taccuino-cartella puoi visualizzare tutte le date dei promemoria ed avere il tuo calendario editoriale sott’occhio.

4. Condividi il tuo lavoro

Lavori su un progetto multi-autore? Crea uno spazio di lavoro condiviso con i tuoi colleghi o collaboratori. All’interno del taccuino, crea una nota per ciascun nominativo dove inserire i tasks a cui lavorare. Crea anche una nota per tenere traccia degli obiettivi, delle scadenze e dei risultati.

Crea anche una nota per ogni riunione: annota l’ordine del giorno ed invialo direttamente via email ai partecipanti e avverti tutti della data con un promemoria. Inoltre grazie alla workchat interna, puoi commentare direttamente all’interno dello spazio dedicato.

 Usi creativi di Evernote per la vita in famiglia

Dopo aver visto come può aiutarti col lavoro, vorrei darti anche qualche consiglio per usare questa piattaforma nella tua vita personale al di fuori del lavoro. Ad esempio puoi usare Evernote per la lista della spesa, condivisa ovviamente con il marito, fidanzato o coinquilino/i. Stai organizzando una festa ed ognuno porta qualcosa? Crea un taccuino per organizzare chi porta cosa. E che ne pensi di una nota protetta da PIN per avere le password sempre con te?

Ti ho convinto? Se no, tu cosa usi per organizzare il tuo lavoro?

  • Antonio Musarra

    Ciao Valentina.
    Confermo che Evernote è ottimo come strumento di lavoro che utilizzo pur io da tempo. Non è comunque solo ideale per chi fa il copywriter.

    Buon Evernote a tutti.

    Bye,
    Antonio.

    • Ciao Antonio, concordo con te che sia utile per tanti altri professionisti e anzi io lo consiglierei anche a tutte le mamme/casalinghe 🙂

  • Ciao,
    Sì è proprio uno strumento fantastico… E, come ha detto Valentina, non solo per il lavoro ma per qualsiasi aspetto della vita. Inclusa la lista della spesa!

    • Evernote alla riscossa delle mamme e delle casalinghe 😀

  • Tiziana

    Ciao, anche io uso molto Evernote, principalmente per organizzare le cose di casa, gli eventi ed ovviamente anche la mia passione per il blogging. Mi piacerebbe condividere anche con voi l’uso che ne ho fatto fino ad ora se vi va’ di passare a trovarmi sul mio blog 🙂

  • Domenico Caiazza

    Ciao Valentina, ottimo articolo pieno di consigli utili! Già conoscevo Evernote ma personalmente per i miei appunti e idee utilizzo Google Keep.. Lo hai mai usato?

    • Ciao Domenico! Grazie mille per i complimenti e sono contenta ti abbia dato qualche spunto. Ho una conoscienza di base di Google Keep, che approfondirò così saproò darti una risposta sensata 😀

      • Domenico Caiazza

        Ma figurati sono meritati! Qualche tempo fa scrissi un articolo su Google Keep. Essendo nuovo dell’ambiente non so che figura farei a postare qui il link, ma se vuoi fai un salto sul mio ancora neonato blog 🙂

  • Piero Feltrinelli

    1300 🙂 ! articolo molto valido, anch’io penso che evernote sia un valido upgrade di keep 🙂

Shares