Nasce Potluck, Social Network per timidi

potlcuk
Tempo stimato di lettura: 0 minuti, 57 secondi
87 Flares 87 Flares ×

Chi naviga costantemente sui Social Network è abituato a vedere un post condiviso pieno di like e commenti pubblici. Esiste tuttavia una consistente nicchia di persone (lurker), che utilizza i Social in maniera passiva, osservando cioè soltanto ciò che viene condiviso senza intervenire in prima persona; il motivo pare sia la timidezza, la paura di essere giudicati positivamente o negativamente.

A loro ha pensato Josh Miller, co-fondatore di Twitter, lanciando un Social ad hoc proprio per i lurker: Potluck. Questo termine è comunemente utilizzato per indicare una cena alla quale ogni invitato porta qualcosa da mangiare; in questo caso si invita l’utente a condividere semplicemente un link, che non sarà accompagnato da like o commenti, riducendo la cosiddetta “ansia da prestazione online”. L’unica cosa che comparirà sarà una schermata sulla parte sinistra della pagina che notificherà solamente il numero di persone che commenteranno quel link senza mostrare il loro nome.

potluck

Per presentarlo ai più, Miller ha fatto sapere su Mashable  di voler “progettare un sistema che allettasse gli utenti a impegnarsi senza timore di essere giudicati”.

Attualmente esiste solo la versione desktop di Potluck, ma si sta già lavorando per renderlo disponibile anche su iOS.

  • giorgioguerrieri

    Come mai, secondo voi, il dominio è solo .it?

    • http://salvatorecapolupo.it/ Salvatore Capolupo

      Non vorrei che sembrasse una battuta di spirito (non lo è, giuro!), ma forse semplicemente perchè tutte le altre estensioni erano occupate. Rasoio di Occam docet… :)

    • http://www.tradizionisicilia.it Daniele Congiu

      Mi sa che Salvatore ha ragione eheh. Effettivamente è così. E poi, it, oltre ad essere il dominio italiano, può intendersi anche “inglesizzato” come 3^ persona singolare :D
      Grazie per il commento e continua a seguirci

    • Daniele Congiu

      Mi sa che Salvatore ha ragione eheh. Effettivamente è così. E poi, it, oltre ad essere il dominio italiano, può intendersi anche “inglesizzato” come 3^ persona singolare
      Grazie per il commento e continua a seguirci

    • http://www.gleenk.com/ Davide De Maestri

      Io sono per l’ipotesi che “IT” in inglese si metta dopo molti verbi per creare giochi di parole di senso compiuto e quindi abbiano optato per questa soluzione…

87 Flares Twitter 15 Facebook 55 Google+ 6 LinkedIn 9 Pin It Share 2 87 Flares ×