L’anatomia di una landing page di successo

Immagine tratta da: http://it.depositphotos.com
Tempo stimato di lettura: 3 minuti, 16 secondi
Pubblicato il 5 marzo 2013
in: - 9 commenti

Nel web marketing la landing page è una specifica pagina (pagina di atterraggio) che l’utente raggiunge dopo aver cliccato su un link specifico o una pubblicità.

Creare una buona ed efficace landing page è necessario soprattutto per:

  • comunicare informazioni importanti al tuo visitatore
  • spingerlo a compiere un’azione e completare il processo di conversione (ad es. compilare un form per iscriversi alla newsletter, per ricevere un’offerta, per comprare un servizio/prodotto)

Ci sono molte cose da considerare quando si crea una landing page efficace:

Rendi la tua landing page più semplice possibile

Di più non è meglio, quindi non riempirla di qualunque cosa o di milioni di offerte. In realtà hai solo pochi secondi per attrarre l’attenzione del visitatore e suscitare abbastanza interesse da fargli continuare il percorso.  Quindi attenzione alle cose principali:

  • intestazione ben definita
  • evita lunghi blocchi di testo (nessuno si metterà a leggere due paragrafi  di informazioni anche se interessanti)
  • crea dei sottotitoli in modo da rendere più facile l’individuazione della parte di interesse

Usa delle belle immagini

“Un’immagine vale più di mille parole”, vero! La scelta dell’immagine è di grande importanza. Una bella immagine può dire molto su un prodotto in poco tempo, ti permette di dare al visitatore le informazioni più importanti velocemente, così da aumentare il suo interesse.

Scegli il giusto contenuto

E’ importante pensare ad uno spazio della tua landing page in cui elenchi i vantaggi di utilizzare il servizio/prodotto che stai offrendo: quanto è facile, che problema risolve, come si attiva. Ricorda che in questa parte del processo di vendita, stiamo cercando di accrescere l’interesse del visitatore in modo da fidelizzarlo.

Usa delle testimonianze

E’ necessario stabilire un certo grado di credibilità, quindi se qualcuno ha felicemente usato i tuoi servizi/prodotti (dopo aver ricevuto l’autorizzazione) inserisci il logo. Anche in questo caso di più non vuol dire meglio, quindi scegli 3 o al massimo 4 loghi da inserire e basta. Anche se vuoi utilizzare la testimonianza dei tuoi clienti soddisfatti il numero di casi da inserire non cambia.

Utilizza una buona call-to-action

Quando vuoi invitare qualcuno ad un’azione spesso non conta quello che dici, ma come lo dici. Ho già trattato in maniera molto approfondita il tema in questo articolo, leggilo per rinfrescarti le idee.

Crea un paio di versione della tua landing page

Fai dei test. Realizza due versioni simili della stessa pagina: prova a modificare alcuni elementi (immagine, chiamata all’azione, intestazione) e vedi come reagiscono i visitatori a queste variazioni e analizza quale ha ottenuto un tasso di conversione più alto. Questa è una pratica comune per ottimizzare al massimo la tua landing page.

Un esempio di una buona landing page è questa di HubSpot. Dare qualcosa in omaggio (in questo caso un ebook) chiedendo in cambio l’email è un buon modo per iniziare a costruire un business.

esempio di landing page

Come si può notare questa landing page, non ha un paragrafo lungo di testo anzi i punti fondamentali sono divisi in elenco e in grassetto sono evidenziate le parole chiave. L’unica immagine è quella del libro. C’è un semplice modulo da compilare e dei pulsanti social per la condivisione. Niente di eccessivo o di appariscente, sono l’essenziale.

Altro ottimo esempio di landing page efficace è questo di MailUp.

esempio di landing page

Ho raggiunto questa pagina cliccando su un’inserzione a pagamento che ho visto su Facebook. Come si può vedere è molto simile alla precedente:

  • logo ben evidente in alto a sinistra
  • una chiara intestazione
  • caratteristiche e motivi per cui scaricare l’ebook divisi per punti
  • un’ottima immagine del prodotto
  • parole chiave evidenziate in grassetto
  • form semplice e funzionale con una forte call-to-action (Scarica l’ebook)
  • social visibili nel footer

In conclusione la buona riuscita di una campagna online dipende sicuramente anche dalla creazione di un’efficace “pagina d’atterraggio”. Lo scopo è convertire gli utenti in clienti e per farlo con una landing page ricorda sempre di comunicare con loro in maniera immediata, chiara e soprattutto facile.

  • Ottimo articolo, applicherò i tuoi consigli sulla landing page che sto preparando. Appena pronta mi piacerebbe avere un tuo parere.

    • Ciao! Grazie, certo! una volta pronta contattami 🙂 Buona giornata!

  • Ottimo articolo, molti clienti chiedono di inserire molti campi nella form. Secondo me 3/4 sono abbastanza e secondo voi ?

    • Ciao silvano grazie 🙂 Io quando lavoro cerco di semplificare sempre il percorso dell’utente, proprio per non rischiare di perderlo, quindi credo che 3/4 campi maaassimo siano il numero giusto per un form base!

  • Ottimo articolo è dir poco..simple&clean. Essenziale senza farla lunga, come il tema trattato. Complimenti! 😉

  • Fabio Maisto

    Ho sempre considerato le landing pages di hubspot le migliori in circolazione. Poi un giorno, come te, ho scoperto la landing page di Mail Up su Facebook e mi sono detto: “Bella cavolo, ma mi ricorda qualcosa….ah, è uguale identica a quelle di Hubspot!” 😀

    • Fabrizio Marra

      Concordo 🙂

Shares