Facebook presenta i Trending, i post più popolari del Social

Fotolia_56508311_Subscription_Monthly_MImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 1 minuto, 23 secondi
Pubblicato il 17 gennaio 2014

Facebook annuncia l’arrivo di un nuovo prodotto: i Trending. Si tratta di argomenti che mostreranno una lista personalizzata di topic per ogni utente, incrociando i dati forniti dai loro interessi, combinati con contenuti ritenutii mportanti sull’intera piattaforma.

Ogni trend sarà cliccabile dall’utente stesso, che troverà una breve descrizione e una lista di post e articoli relativi al topic.

Facebook determinerà quali argomenti sono da considerarsi tali grazie all’utilizzo di un complesso algoritmo che ne riconosce l’enorme popolarità (che non coincide necessariamente con un grande volume di post o articoli su quel particolare argomento). Attualmente non sono previsti contenuti sponsorizzati, ma non si esclude che possa accadere in futuro.

Un momento: ma siamo sicuri si tratti di una novità assoluta o se facciamo una buona ricerca nella nostra memoria, forse notiamo di aver già sentito il termine Trending Topic? La risposta effettivamente è sì, e per l’esattezza ne abbiamo sentito parlare già su un altro popolare Social: Twitter. Con una piccola differenza però: al contrario del Social “cinguettante”, il quale mostra gli argomenti più discussi nel suo micro-mondo, Facebook selezionerà i topic basandosi sui nostri gusti e interessi, personalizzando quindi i vari argomenti per ciascun utente. Il risvolto definitivo comunque è che ci troviamo davanti ad un altro tentativo di “presa in prestito” di caratteristiche di Facebook nei confronti di Twitter, ultimo in ordine cronologico dopo il termine “seguaci” e l’utilizzo dell’hashtag (#) davanti alle parole “clou” di un post.

È vero che copiare è un’arte, ma siamo sicuri che questo non voglia dire che chi lavora per i Social non si trovi un po’ a corto di idee in questo periodo? Si sta arrivando a un punto di saturazione?

Articolo liberamente tradotto da Mashable

Shares