Come mantenere attivo l’interesse dei follower su Twitter?

da
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 48 secondi
Pubblicato il 17 ottobre 2012

Creare un account Twitter, twittando ciò che fai o condividendo informazioni su argomenti importanti, può esserti d’aiuto nell’accrescere il numero dei tuoi lettori, vendere il tuo prodotto o lanciare il tuo business; tuttavia, non riscuoterai grande successo se non disponi di un grande e dinamico gruppo di followers su Twitter. Costruire la tua rete di follower e mantenerne costante l’interesse può sembrare un compito scoraggiante, ma conoscere alcuni semplici suggerimenti può aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi. Sono qui proprio per aiutarti ad ottimizzare il tuo account Twitter attraverso una breve guida. Vediamo insieme il da farsi.

La Biografia

Quando crei il tuo profilo Twitter, assicurati che sia interessante, che dia informazioni e che sia realizzato in modo creativo. Ad esempio, immaginiamo che la tua società venda letti a castello personalizzati. Invece di scrivere “Vendiamo letti a castello personalizzati” nella sezione Bio, digita qualcosa che invogli le persone a volerne sapere di più su di te, come “Niente spazio per letti monotoni qui! Solo letti a castello unici nel loro genere, con tanti consigli sulla sicurezza, il divertimento e il sonno dei vostri bambini”.

Segui persone interessanti

Non appena avrai impostato un profilo attraente, inizia a seguire altre persone. Questo ti aiuterà a costruire il tuo following perché è buona norma su Twitter seguire chi ti ha precedentemente aggiunto. Molta gente non segue ciecamente chiunque li segua a sua volta, dunque assicurati di trovare delle persone che abbiano interessi simili ai tuoi. Per rintracciare persone che hanno twittato su argomenti attinenti tra loro, cercale per parole chiave usando gli hashtags (#). Una volta trovati diversi “twitteri” simili a te, dai uno sguardo a chi seguono e da chi – a loro volta – sono seguiti per avere un numero maggiore di interazioni.

Twitta anche se non hai followers

Inizia a twittare anche se non sei seguito da nessuno. Il segreto sta nel twittare su argomenti che conosci e che altri potrebbero essere interessati a leggere. I tweets possono esseri scherzosi o divertenti, come “Da bambino, ‘trovavo rifugio’ in cima al mio letto a castello pensando che mamma non potesse vedermi”. Oppure possono fornire informazioni, come “Gli antichi Egizi furono i primi a dormire su letti a castello”. Non devono invece assolutamente essere noiosi, ripetitivi o senza uno scopo. Se non hai nulla di sensato da twittare, semplicemente non twittare.

Contenuto interessante

Trovare qualcosa di interessante su cui twittare è un imperativo da rispettare; dovresti, però, twittare regolarmente per mantenere viva l’attenzione dei followers (e/o potenziali clienti) nei tuoi confronti. In questo modo, anche se questi non avranno bisogno di te sul momento, sarai comunque il loro primo pensiero quando avranno necessità di un prodotto o un servizio da te offerto. Un altro suggerimento per costruire la tua rete di follower è quella di retwittare ciò che scrivono gli altri: le persone o le società delle quali retwitti i contenuti apprezzeranno il gesto seguendoti in maniera più attiva e retwittando anche qualcuno dei tuoi tweets.

Infine, assicurati di aggiungere al tuo sito, blog o newsletter i pulsanti di Twitter: in questa maniera i visitatori potranno clickarvi sopra e seguirti su Twitter o twittare i tuoi contenuti direttamente dal proprio account. In men che non si dica, otterrai una rete di follower vivace e una rapida crescita del tuo business.

Ecco tutti i suggerimenti per ottenere un following attivo su twitter!

Liberamente tradotto da: http://creativeoverflow.net/quick-tip-guide-to-building-an-active-twitter-following

  • a volte però vedo twitter che ti lasciano dopo un paio di giorni….se non posti x 2/3 gg su un mese..sei rovinato…una cosa forse un pò O.T. bisognerebbe poter selezionare quali twitt vengono ripresi sulal tua bacheca di fb e viceversa…non sarebbe male..

    • Ciao Alessandro! Beh, i follower ai quali ti riferisci sono – a mio parere – un pò troppo “frettolosi”: intendo dire che, come in qualsiasi interazione umana, occorre del tempo per conoscere una persona e farsi un’idea su di essa; anche su Twitter, dunque, sarebbe meglio aspettare un pò prima di decidere di “defolloware” un nostro contatto. Dall’altro lato, come scritto nell’articolo, la presenza è fondamentale: nessuno si scandalizza per una (breve) assenza, anche perchè chiunque ha i propri impegni, ma far percepire ai follower che ci sei e leggi anche i loro tweet (che poi sarebbero i loro pareri) è importantissimo. Vedila così: è la stessa cosa con un gruppo di amici. Se ti fai sentire spesso, guadagnerai la loro fiducia e amicizia; al contrario, se li contatti solo occasionalmente, magari quando ti tornano utili, difficilmente saranno disposti ad entrare nuovamente in relazione con te.

Shares