Come dividere un database MySql in più parti e vivere felici

Fotolia_69886093_Subscription_Monthly_MImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 2 minuti, 13 secondi
Pubblicato il 25 marzo 2015

I database MySql sono molto diffusi, alcuni dei più noti CMS li usano, e può capitare di doverli trasferire da un hosting ad un altro, cosa che diventa potenzialmente problematica se hanno raggiunto dimensioni elevate, ad esempio di centinaia di MB.

Preciso subito che non è facile che un database cresca così tanto, almeno se parliamo di un blog o un sito aziendale che sia stato ben realizzato, non sia meta abituale di spammer, o non abbia altri problemi.

Per portali o community di una certa dimensione il database MySql può invece nel tempo raggiungere dimensioni notevoli, e questo può complicarne non poco la gestione. Inoltre molti hosting, in particolare tra quelli più economici, fissano dei limiti all’upload dei file sql attraverso phpMyAdmin (e simili). Come fare quindi se dobbiamo caricare sul server un database molto grosso?

Se non possiamo, o non sappiamo usare SSH, potremmo intervenire manualmente dividendo il file sql in più parti. Ma se come detto è particolarmente pesante, aprirlo con un editor di testo e dividerlo per poi salvarlo in più file, potrebbe diventare un’operazione lunga e fastidiosa, inoltre potremmo incorrere in errori, in particolare se non conosciamo bene la struttura del database.

Ci sono strumenti che semplificano molto questa operazione, riducendo drasticamente la sua durata, evitando errori, e permettendo notevoli personalizzazioni, per andare incontro alle nostre esigenze, in base alla dimensione del database e alle caratteristiche (limiti) del nostro hosting.

Il programma di cui ti parlo oggi è un piccolo ma utile applicativo per sistemi Windows chiamato “SQL Dump File Splitter“. Dopo averlo scaricato ed eseguito, dovrai selezionare il database su cui intervenire, e che si deve già trovare sul tuo computer.

SQL Dump File Splitter

Nel secondo step potrai decidere la dimensione dei file nei quali dividere il database e, di conseguenza, il loro numero. Se dividerai un database da 100MB in file da 10MB come ovvio otterrai 10 file (+ uno per la struttura delle tabelle).

Nel terzo, ed ultimo, passaggio, dovrai decidere la cartella di destinazione nella quale verranno salvati i vari file sql. Avvia poi l’operazione e aspetta che la barra segni il 100%.

Alla fine, nella cartella da te indicata, troverai un file sql con la struttura del database, che dovrà essere il primo a venire caricato sul tuo hosting. Poi troverai i vari file (in base alla dimensione decisa per lo split) con i contenuti che andranno a popolare il database. Potrai caricarli uno ad uno, aggirando così l’eventuale limite fissato per l’upload.

mysql import

Per trovare altri programmi di questo tipo, soluzioni analoghe se usi Mac o Linux, o semplicemente per approfondire la questione ti basterà cercare su Google “sql splitter“. Per dubbi, problemi, consigli, condivisioni, lascia un commento qui sotto.

  • massimo83tv

    Come fare quindi se dobbiamo caricare sul server un database molto grosso?
    Semplice: mysql workbench.
    O la riga di comando.

Shares