Tu che tipo di freelance sei?

freelance-guerrieroImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 5 minuti, 14 secondi
Pubblicato il 22 gennaio 2015

Attenzione! Quello che stai leggendo è un articolo ad alto contenuto nerd. Per chi non avesse mai sentito parlare dei personaggi sotto citati, si consiglia di andare a recuperare l’enorme valore di cultura e ispirazione pop che hanno!

Questo post nasce come auto-fomento (e spero sia esaltante anche per te :D) di inizio anno: perché nel 2015 in Italia il “libero professionista della conoscenzaè sempre più in difficoltà, fra fiscalità folli e un mercato che presenta un digital divide imprenditoriale che il fosso di Helm in confronto era la pozzanghera di Peppa Pig.

E allora diavolo, torniamo all’origine battagliera del termine freelance ovvero lancialibera. Parafrasando Ratatouille: artisti, pirati ma anche pro-cacciatori di taglie clienti e contrabbandieri di conoscenza digitale.

A proposito, a quale personaggio della pop-culture di questa risma ritieni di assomigliare di più? Te lo sto proprio chiedendo, come feci con il post su quale classe di SEO essere.

p.s. Si, lo so che ci sono una MAREA di personaggi fichi fra cinema, fumetti, videogiochi e TV. Selezionarne anche solo 10 è stata davvero dura.

Scegli il tuo approccio da freelance!

Deathstroke (DC Comics)

Slade Wilson è uno dei nemici storici di Batman e dei Teen Titans, un mercenario che accetta qualsiasi tipo di lavoro ma che guarda caso finisce sempre per scontrarsi con il Cavaliere Oscuro.

Nonostante l’indole non proprio da buono, Deathstroke è molto simile al vecchio pipistrello: non ha alcun potere speciale se non una competenza altissima nel suo campo.

Ma basta che sei quel freelance che finisce sempre impelagato con il solito tipo di cliente per essere in sintonia con Slade: qualsiasi sia la tua competenza, il committente ti farà sudare sette maschere, uops, camicie. Forse è il caso di accettare tipi di lavori differenti per non sprecare tempo e abilità!

Deadpool (Marvel Comics)

Nato inizialmente come risposta a Deathstroke (di cui condivide anche il nome “civile” : Wade Wilson), Deadpool è via via diventato uno degli anti-eroi più amati: completamente fuso, in bilico costante fra delirio, follia, bene e male.

Ma sempre con la battuta pronta e una capacità rigenerativa che in confronto Wolverine si fa la bua facile.

Se ami il tuo lavoro di freelance (nonostante ti stia portando alla pazzia) e cerchi di prenderla sempre con un sorriso, allora Deadpool sei tu – e un po’ mi ci sento anch’io, dato l’enorme mole di citazioni che tira fuori il buon Wade.

Boba Fett (Star Wars)

Da bravo fanatico di Guerre Stellari anch’io adoro il mandaloriano al soldo di Jabba The Hutt. Si presenta proprio come il tipo che è pronto a tutto muovendosi in una galassia dura, proprio come il lavoro del web freelance in Italia.

Personalmente apprezzo ancora di più il padre, Jango (al di là del nome che rimanda al western), per la storica frase “cerco modestamente di farmi strada nell’universo“. Libero professionista dentro.

Se ritieni che il personal brand per un freelance è tutto, allora forse fai parte del clan Fett anche tu.

Han Solo (Star Wars)

La simpatica canaglia che tutti adorano. Il corelliano interpretato da Harrison Ford è un personaggio iconico, un libero professionista che però non rinuncia a una forte morale, anche se tutta sua.

Han fra l’altro è un tipo che, nonostante debba tenere le apparenze da tenebroso, non rinuncerebbe mai ai propri compagni.

Se come freelance una delle tue priorità è fare team con altri colleghi, salta a bordo del Millennium Falcon e vai a distruggere la seconda Morte Nera!

Samus Aran (Metroid)

La cacciatrice di taglie spaziale, una delle primissime icone femminili nei videogiochi (ancora prima di Lara Croft, già). Samus nel corso delle avventure targate Nintendo ha dimostrato tre doti mica male: risolutezza, indipendenza ma senza rinunciare al suo essere.

Una vera eroina, in grado di affrontare i task più mostruosi e i clienti più disparati.

Se sei una socialgnock, una mamma blogger o comunque una freelance che passa agilmente dall’armatura lavorativa a una modalità meno impegnativa in un rimbalzo, allora Samus sei tu!

Deadshot (DC Comics)

Floyd Lawton è fissato con l’obiettivo. Il micidiale cecchino che da nemico di Batman è divenuto parte dei Segreti Sei, non ha mai perso di vista la sua missione.

Un freelance che fa la felicità dei clienti, tanto orientato al ritorno dell’investimento com’è ( “Deadshot non fallisce mai“. Se sei sotto il suo obiettivo, è finita).

Se anche tu sei un libero professionista che guarda ai KPI, agli obiettivi ed è focalizzato estremamente su di essi, beh felice chi ti “assolda”!

Ain (Ken il Guerriero)

Ain è un cacciatore di taglie forgiato dal duro mondo post-apocalittico immaginato da Buronson e Tetsuo Hara. A differenza di molti personaggi della serie, non appartiene a nessuna scuola ma da bravo freelance ha sviluppato un proprio metodo con il duro lavoro.

Inoltre non fa tutto questo per la gloria, ma per permettere alla figlioletta di abbandonare le lande desolate una volta racimolati abbastanza soldi.

Se anche tu sei un freelance con famiglia che lavora sodo, allora Ain può esserti di ispirazione.

Zoro (One Piece)

Lo spadaccino dai capelli verdi è ossessionato dall’affinare le proprie tecniche per diventare il migliore al mondo.

Ogni istante della sua giornata è incentrato all’allenamento (tranne nelle gag quando si perde o quando litiga con Sanji il cuoco).

Se sei un freelance che punta molto sulla sua formazione, allora prendi le tre spade!

Rocket Raccoon (Marvel Comics)

In auge dopo il film dei Guardiani della Galassia, da subito il procione spaziale è stato uno dei personaggi più amati.

Con il compagno Groot forma una coppia di freelance fuori dal comune, e le soluzioni proposte da Rocket lo sono quasi sempre.

Se il tuo lavoro di freelance vive grazie al pensiero laterale, ti manca solo un piccolo arbusto come amico!

Max Rockatansky (Mad Max)

Non cito il giovane Mel Gibson per fare l’auto-marketta a Interceptor Marketing (il mio libro) dato che molto deve – almeno nell’iconicità – alla mitica trilogia on the road.

In parte perché l’ho già fatta fra le righe, ma Mad Max è un punto di riferimento per tutti quei freelance che ogni giorno battono le strade sia digitali sia Oltre la Sfera del Tuono Web, a stretto contatto con i più disparati (e a volte anche disperati) clienti.

Se come libero professionista non ti fermi mai e punti a risolvere i problemi senza troppi giri di parole, allora sei Interceptor anche tu.

Allora, hai deciso a chi assomigli di più come freelance ?

Shares