5 idee per creare contenuti di valore su Facebook

facebook-content-is-kingImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 4 minuti, 5 secondi
Pubblicato il 4 marzo 2015

Quali sono i contenuti che davvero funzionano sui social network? Cosa devo condividere sulla mia pagina Facebook? Come faccio a migliorare/aumentare le vendite con i social?  Se anche tu hai avuto un dubbio simile a questi una volta aperta la tua pagina aziendale su Facebook, allora ecco l’articolo che fa al caso tuo. Ho pensato di creare una lista di 5 idee di content marketing che puoi attivare sui tuoi canali social per ottenere degli ottimi risultati!

1) Il team di lavoro

Chi siete, cosa fate, cosa portate, quanti siete? Un fiorino. Sono una grande fan di Massimo Troisi ma a parte gli scherzi: perché non iniziate con una bella presentazione delle persone che lavorano nella vostra azienda? Raccontate la loro storia. Ad esempio nella mia azienda ho chiesto a tutto il team di lavoro il proprio motto personale: l’ho inserito sia nei loro profili e descrizione, sia sul retro dei bigliettini da visita. È una cosa carina da fare, un modo particolare e semplice per creare dei buoni contenuti e rendere il team più reale e umano.

2) Crea dei contenuti basati sul prodotto

Attenzione: non ti sto dicendo di utilizzare la pagina per “vendere, vendere e vendere” in modo del tutto sbagliato tartassando il tuo pubblico con post su post che non fanno altro che portare ad un’unica azione del tuo utente: “non mi piace più”. Con creare dei contenuti basati sul prodotto, ti sto suggerendo di far scoprire i punti di forza dei tuoi prodotti, come sono realizzati, se sono ad esempio made in italy, se sono fatti a mano, se hanno diversi scopi di utilizzo. L’obiettivo è generare entusiasmo e allo stesso tempo creare un contenuto “leggero” che abbia però lo scopo di presentare (e così suggerire) il tuo prodotto. Ancora potresti creare un confronto fra due prodotti e invitare i tuoi fan a scegliere il loro preferito. Come vedi sui prodotti ci sono davvero tanti modi per proporli senza “infastidire” il tuo pubblico. Questo metodo non solo ti aiuta a creare un “post prodotto” che è finalizzato alla diffusione e vendita dello stesso, ma anche a ricevere preziosissimi feedback dalla tua community di utenti:

3) Crea un video

Se ti occupi di qualcosa di particolarmente difficile da diffondere tramite un post, fai dei video. I video tutorial ad esempio sono molto efficaci: sono uno strumento molto più performante rispetto al semplice testo o all’immagine e in più ti danno la possibilità di:

  • esporti in prima persona, qualora tu decidessi di parlare direttamente ai tuoi utenti: questo è un ottimo metodo per creare un rapporto con i tuoi fan, aumentare il coinvolgimento, l’interazione e soprattutto aumentare la percezione del tuo brand personale.
  • far vedere praticamente e realmente come posso utilizzare i prodotti: lo sai che il 64% degli utenti è più predisposto all’acquisto dopo aver visto in video l’utilizzo del prodotto?

4) Crea un contest

La realizzazione di un contest su Facebook è molto efficace come strategia per aumentare l’interazione con i fan e la popolarità del brand. E’ il modo giusto per attrarre il grande pubblico e ottenere attenzione verso la tua azienda. Come si crea un contest? Prima di tutto devi scegliere l’azione che vuoi far compiere ai tuoi utenti, ovviamente va scelta in base all’obiettivo che hai: se vuoi aumentare i fan allora l’azione che dovranno compiere è “cliccare su Like” e l’invito all’azione potrebbe essere: clicca “mi piace” e scarica il coupon sconto del 50% sul primo acquisto. Lo so il 50% è tanto, ma l’ho scritto di proposito: quando fai un contest o comunque chiedi ai tuoi utenti di compiere un’azione, devi fare in modo che ne valga la pena. Fagli un vero regalo: il dono, il valore che gli darai vale più di tutte le strategie e le promozioni che potrai fare, loro se lo ricorderanno sempre e in base a questi piccoli accorgimenti giudicheranno poi l’azienda e creeranno una percezione positiva o negativa (in base all’esperienza che vivono) da condividere con i propri amici. Ricorda:

5) Com’è fatto?

Ritorno sul prodotto perché capisco quanto sia importante per un’azienda concludere più vendite possibili. Un approccio carino al prodotto che puoi adottare è anche il metodo “com’è fatto”: se ha un particolare processo di produzione, se utilizzi materiali particolari o strumenti e attrezzature speciali, se è divertente assistere… condividilo con i tuoi fan! Magari con un breve video.

In conclusione: la tua azienda sei tu, hai tante cose di cui parlare e tanti contenuti interessanti che puoi raccontare alle persone. Queste sono piccole idee da cui puoi prendere spunto per creare contenuti di valore sulla tua pagina aziendale su Facebook.

Se hai qualche consiglio o strategia per creare dei contenuti di valore per i canali social, non vedo l’ora di ascoltarli 🙂

  • Roberto Morra

    ciao laura! sono il “seguace” numero 300… e ora potete scatenare l’inferno 😛 (ok citazione -una delle poche che ricordo- forse stupida, ma anche tu t sei lanciata a farne una.. ho cercato di emularti :P)
    tornando serio, volevo farti una domanda relativa al punto numero 1: creare contenuti relativi ai vari lavoratori. cosa molto carina e personalizzante è vero! approvo. ma questi contenuti sono poi destinati a costruire il profilo/pagina dell’azienda o anche da condividere sui social? m spiego: gli altri punti, credo di aver capito, sono tutti riguardanti i contenuti da condividere mediante post. i contenuti del primo? anche quelli ogni tanto, a titolo informativo e per fare numero, sono utilizzabili a quel fine? magari si potrebbe pensare di dedicare una settimana a quel dipendente e alternare i post d prodotto con i post relativi agli interessi del dipendente stesso

    • Laura De Vincenzo

      Ahahah grande citazione! Per rispondere alla tua domanda: si, quei contenuti anche sono utilizzabili per la pagina fan. Hai già avuto un’idea carina, quella di dedicare una settimana ai vari dipendenti. Questo rende l’azienda molto più umana e molto più sensibile alle persone che ci sono dietro ad un processo produttivo. I consumatori sono sensibili a queste dinamiche e quindi non solo si fidano di più del brand ma sono anche più predisposti a comprare. Spesso si rispecchiano anche in alcune storie e quindi si sentono più vicini all’azienda. Ora mi viene in mente il caso delle banche: non so se hai notato, ma da qualche tempo a questa parte i dipendenti sono al centro di qualunque attività promozionale. Addirittura Hello bank ha creato un community panel gestito dai dipendenti per farli parlare direttamente con i clienti e sviluppare o migliorare i prodotti 🙂

      • Roberto Morra

        è vero! ora che m ci fai pensare. per chi ha a che fare più spesso con le banche può essere rassicurante immagino. è cm quando facevano quella pubblicità in cui c’erano attori (presumo) che recitavano la parte di impiegati di banca.. davano un volto umano ad un’offerta della banca, che di per sè poteva risultare abbastanza fredda. era la bnl, cariparma o banca popolare di qualche dove se non sbaglio ^^”’

        • Laura De Vincenzo

          Esatto XD Diciamo che ti ho portato l’esempio delle banche perché è il primo che mi è venuto in mente, ma sono sicura che in altri ambiti può essere ancora più divertente parlare dei propri dipendenti 🙂 Magari fargli gestire un blog?

          • Roberto Morra

            bhe in quel caso sì che si avrebbero contenuti nuovi! anche con una produzione di un articolo a settimana per dipendente… però ce ne vorrebbe di tempo a disposizione! ^^” forse però dipende anche dall’atmosfera e dall’ambiente in cui si opera. se è un ambiente rilassato è una cosa che si può chiedere. in caso contrario mi sa che è poco fattibile, perchè verrebbe visto come tempo perso e soldi persi. nn credi? io lo farei, ma 1. perchè sono abituato a scrivere; 2. perchè sono abituato a parlare dei miei interessi; 3. perchè magari mi troverei in un ambiente rilassato e sarei +invogliato a fare una cosa del genere!

          • Laura De Vincenzo

            -perchè verrebbe visto come tempo perso e soldi persi. nn credi?- Il mio parere in merito è che se un’azienda, una qualunque in qualsiasi settore, al giorno d’oggi crede che questa sia una perdita di tempo o soldi persi… bhè non ha molte speranze di sopravvivere al cambiamento che è in corso 🙂 Un po’ come le aziende che ancora oggi bloccano l’accesso ai social ai dipendenti (follia). Come vedi tu lo faresti e sono sicura che molti si divertirebbero a raccontare la loro storia!

          • Roberto Morra

            infatti la mia era una triste ç_ç considerazione di come verrebbe vista la cosa! secondo me l’idea, lo ripeto, funzionerebbe. è che non è ancora molto diffuso il concetto del lungo termine ^^” credo che le aziende pensino di più al guadagno in tempi brevi

          • Laura De Vincenzo

            Ahimè hai ragione XD Guadagno e numero di like!

          • Roberto Morra

            so saggio eh? 😛

          • Roberto Morra

            ciao laura! scusa se torno ad importunarti, ma dato che dallo scambio di opinioni avuto con te sono usciti fuori anche degli spunti di riflessione, ti dispiacerebbe se utilizzassi le riflessioni fatte da me facendo riferimento al tuo articolo? le tue riflessioni ovviamente resterebbero tue!

          • Laura De Vincenzo

            Se un mio articolo o delle mie riflessioni possono generare un beneficio per qualcuno, non posso esserne che felice 🙂 Aspetto allora il tuo lavoro per continuare questa interessante discussione!

          • Roberto Morra

            grazie per la disponibilità! nei prossimi giorni m farò vivo io e mi dici che ne pensi ^^

          • Laura De Vincenzo

            ok!

Shares