5 clienti che metteranno in dubbio il tuo progetto Web

avanti-un-altroImmagine originale tratta da Fotolia
Tempo stimato di lettura: 5 minuti, 22 secondi
Pubblicato il 20 marzo 2015

“Ah ma che bella giornata di sole”

Amo iniziare così la mattina, positiva e propositiva.

DLING DLONG ♩ ♬

Pronta per il primo appuntamento della giornata e sfoggio il mio sorriso migliore. Una tipina tutto pepe ha bisogno di un logo. Lo vuole quadrato, no tondo, no triangolare, a colori ma anche in bianco e nero, “tanto, che ci vuole?”

AHHHHHHHHHHH!

Non sono le idee confuse ad aver scaturito il mio urlo, il cliente può non averle chiare e noi esistiamo proprio per supportarli e guidarli. Ma l’affermazione “Che ci vuole?” fa salire la carogna. Creare un logo non è un gioco da ragazzi: serve un’idea creativa vincente realizzata poi con una grafica a regola d’arte. É il primo biglietto da visita del Brand, il primo strumento che ne racconterà la storia e lo renderà riconoscibile. Quindi caro Cliente il rispetto per il valore del lavoro altrui prima di tutto e tratterò il tuo Brand come il bene più prezioso al mondo.

DLING DLONG ♩ ♬

Mi sistemo i capelli e sfodero nuovamente il mio sorriso. Ecco che l’imprenditore finalmente si decide a fare il sito Internet. Dice che se costa troppo suo nipote “smanettone” lo fa su Facebook.

AHHHHHHHHHHH!

Finalmente anche le PMI hanno compreso l‘importanza della presenza on-line e di questo ne sono felice. Ma le parole sito+facebook+nipote tutte insieme mi hanno creato del malessere immediato, anche a te? Facebook è un Social Network e come può essere venuto in mente a qualcuno che possa essere un sito? Forse c’è un po’ di confusione ma c’è anche un rimedio: far vedere le differenze e spiegare le cose con parole semplici e comprensibili (alle volte siamo troppo tecnici pure noi…). Ma tuo nipote, cugino, che è solo uno smanettone e non un professionista no, non me lo nominare per favore. Affidati a chi è competente e sono anni che è sul mercato, vedrai che raggiungerai gli obiettivi.

DLING DLONG ♩ ♬

Io non smetto di sorridere e guarda che cliente elegante è entrato in agenzia. Lui ha l’idea del secolo, dice, e soprattutto può darmi giusto 2 informazioni sommarie, tutto il resto è top secret ⊙_☉

NAAAAAAAAAAAAAAAHHH!

Partiamo dal presupposto che potrebbe anche avere una bella idea, non lo metto in dubbio. Per poterla sviluppare però dovrò farla mia, conoscere tutti i dettagli per poter creare una strategia che funzioni. Sono disposta a firmare al cliente qualsiasi incartamento sulla privacy per dimostrargli la mia buona fede. Ecco Cliente fai lo stesso anche tu, fidati e affidati, il mio interesse è aiutarti e portarti al successo, non trasformarmi in Amelia della Disney.

DLING DLONG ♩ ♬

Dai questa è la volta buona, lo sento. Che uomo distinto wow. Cosa mi dice? Il progetto è NO BUDGET ma ha tanta visibilità.

SIGH SIGH ಥ_ಥ

In questo caso addirittura piango e non mi dilungo nemmeno tanto. I lavori si pagano e si pagano il giusto. La visibilità possiamo crearla noi a te, se c’è budget ovvio. Non so se lo hai dimenticato ma paghiamo le bollette come te e probabilmente se vengo nel tuo negozio non porterò a casa le scarpe (ad es.) se ti proponessi un #selfie sui miei canali Social. Chiaro il messaggio?

DLING DLONG ♩ ♬

Siamo solo al pomeriggio, ce la posso fare. Va che bel ragazzo e come si esprime forbito. Ah, vuole un evento innovativo, tigri, unicorni rosa e lo vuole per settimana prossima??

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

Amo organizzare eventi e se sono out-of-the-box ancora meglio, per cui fin qui tutto bene. Ma, a parte le richieste non realizzabili se non a fronte di budget a 6 zeri che spesso non ci sono e quelli irrealizzabili perché uscite da un fumetto… perché non ti sei mosso per tempo? Un evento richiede una lunga pianificazione dove nulla è affidato al caso e anche piani di riserva A, B, C,….Z. Vuoi davvero un evento sensazionale? Il giusto tempo è necessario e anche il budget, come sempre.

DLING DLONG ♩ ♬

Ho bevuto 10 caffè e imperterrita insisto a sorridere. Questo cliente ha anche la faccia simpatica. “Voglio stare primo su Google e tutti gli altri sotto. Lo conoscerai qualcuno dentro a Google, no??!!”

SDENG SDENG!!! (Testa VS Muro)

Adoro il fatto che il cliente sappia quanto sia importante essere visibile sui motori di ricerca ma probabilmente ignora (anche io fino a qualche anno fa non ero erudita sul tema) che per posizionarsi esistono tecniche SEO che richiedono tempo, fatica e competenze specifiche. Per me se vuole può anche provare a chiamare Google, la mattina dopo sono quasi sicura di doverlo svegliare dopo una notte con la musica di attesa e propongo il nostro servizio ツ

DLING DLONG ♩ ♬

Ultimo appuntamento della giornata, dai che ci siamo. Una bellissima ragazza, vestita di tutto punto e griffata anche nello smalto. Nessuno la segue sul suo profilo Instagram e addirittura i vestiti se li compra lei. “Si possono comprare i follower?”

VOGLIO LA MAMMAAAAAAA 🙁

É una fashion blogger con un blog e anche belle foto. Peccato che non abbia alcuna strategia, i post non si posizionano, le icone social sono introvabili e gli hashtag non sa cosa siano. Qui urge una consulenza oppure la gestione del lavoro in outsourcing. Ti prego, davvero ti prego, i follower un tanto al kg no! Sono fake o se non lo sono comunque non interagiscono o non sono in target. Impara a comunicare, a interagire e ad apprezzare ogni singolo like. Per tutto il resto ci sono i Community Manager.

Sono giunta alla fine della mia giornata, un po’ stanca che dici? Ma a parte tutte le battute sopra sono ancora contenta e no non sono pazza. Sai perché? Perché ad ogni problema so che è possibile trovare una soluzione e che è compito nostro “istruire” i clienti. Già perché loro sapranno più di noi sul loro business ma magari nulla di Marketing, Comunicazione, Social Media, etc…

Riprendo a sorridere e lo farò ancora quando suonerà di nuovo quel campanello. Sarò più felice quando i clienti si presenteranno con umiltà, riconoscendo il valore del nostro lavoro e si lasceranno guidare.

A tal proposito vorrei lasciarti 2 chicche da utilizzare:

  1. Questo post di Webhouse dove, grazie all’impatto visual, i clienti possono capire immediatamente quali domande non fare
  2. Il mio video dove so già che ti immedesimerai al mio posto, che ti strapperà un sorriso e che puoi far vedere ai tuoi clienti spiegando che la soluzione la troverai, sempre.

Ora tocca a te: aspetto le tue avventure nei commenti e se sei un potenziale cliente scrivimi come possiamo aiutarti al meglio.

Non vedo l’ora di leggerti!

  • Tiziana Etoschi

    Il “Che ci vuole” ti fa venire un prurito addosso…Il tuo urlo solo per questo doveva durare tutto il post!
    Il cliente manco si immagina lo studio che tu devi fare per entrare in sintonia con la mission aziendale, il loro target, i loro valori e andiamo avanti…
    “Il logo mi serve per martedi” e te lo chiedono il venerdì. “Il sito, dai su, quanto ci vuole, una settimana?”
    Altrochè AHHHHHHHH!!!
    E’ compito nostro “istruire” i clienti.
    Bel post e bellissimo il video!

    • Francesca Borghi

      Ciao Tiziana,
      che piacere leggerti e ti ringrazio molto per i complimenti 🙂
      Hai centrato il punto: è compito nostro far percepire ai clienti il valore del nostro lavoro e la qualità che possiamo offrire.
      Ogni potenziale cliente che si rivolge a noi è un dono e va trattato con cura e dedizione. Il video e questo post infatti vogliono lanciare un messaggio positivo che è quello di poter sempre trovare una soluzione.
      Ovviamente anche il cliente si deve mettere nella posizione di volersi fidare di un professionista e non puntare solo alla lotta del prezzo più basso.
      Grazie ancora per aver dedicato tempo a lettura, video e commento davvero prezioso!
      A presto

  • aranuir

    Ho preventivato ad un ordine professionale la manutenzione e l’inserimento di TUTTI i contenuti del sito (che ho già realizzato) senza alcuna condizione per 120 € al mese: praticamente diventerei loro “dipendente” per quella cifra… Mi hanno aggredito “minacciandomi” di rivolgersi ad altri data l’enorme cifra che ho sottoposto loro…
    :'(

    • Francesca Borghi

      Ciao!
      Purtroppo far percepire il valore del nostro lavoro è un compito assai arduo ma spetta a noi. Non necessariamente poi siamo costretti a dover dire sempre di sì. Nel tuo caso specifico mi sembra quasi di capire che poi non avresti più tempo per gestire altri lavori e di sicuro con così pochi soldi non ci paghi le bollette a fine mese.
      Ti hanno motivato per quale motivo hanno reagito così?
      ps: grazie per il tuo commento e per aver letto il post!

  • ahahah il video è meraviglioso…

    • Francesca Borghi

      Grazie! Un lavoro lungo che ha dato e sta dando un sacco di soddisfazioni 🙂
      Felice ti sia piaciuto!

  • Francesco Palmieri

    Articolo indispensabile. Da far vedere ai clienti, ma soprattutto da vedere e rivedere noi. Una vera pillola antistress realizzata con gusto e maestria. Il video è favoloso. Complimenti davvero.

Shares